in

Vincitore di Parigi ma non con il titolo, la bella mossa di Strasburgo, Lione sconfitto e grande perdente… Cosa ricordare dal multiplex delle 21 della 33a giornata

Il Parigi ha fatto il suo lavoro, ma dovrà aspettare prima di vincere il suo decimo titolo di campione di Francia. Grandi vincitori ad Angers (3-0), i parigini si sono avvicinati un po’ all’incoronazione, mercoledì 20 aprile, in occasione della 33a giornata di Ligue 1. Ma la vittoria del Marsiglia contro il Nantes al Vélodrome (3-2) ritarda il matematico incoronazione degli uomini di Mauricio Pochettino.

Negli altri incontri, il multiplex ha mescolato di nuovo le carte nella corsa per l’Europa. Il colpo grosso della serata è per lo Strasburgo, vincitore in casa del Rennes (2-1), che affianca l’avversario della serata con 56 punti. Il Lens, che ha battuto il Montpellier dopo una partita solida (2-0), consolida il suo 7° posto. Il rimpianto sarà per il Lione. Battuto a Brest (2-1), OL è sette punti dietro al 5° posto, quasi dicendo addio alle loro speranze di qualificazione europea.

Il titolo in vista

Per essere incoronato campione di Francia 2022 mercoledì sera, il PSG ha dovuto fare meglio del suo delfino di Marsiglia. I parigini hanno rispettato la loro parte di contratto con una netta vittoria ad Angers (3-0). Senza Neymar, Messi e nemmeno Verratti, gli uomini di Mauricio Pochettino sono stati portati dall’immancabile Kylian Mbappe e dal secondo gol con la maglia del Paris di Sergio Ramos. Il capitano Marquinhos ha portato a casa il punto negli ultimi quindici minuti per coronare un’uscita di successo degli uomini di Mauricio Pochettino, l’unica pecca è stata l’esclusione del giovane Edouard Michut proprio alla fine della partita. Ma la vittoria del Marsiglia sul Nantes (3-2) ritarda l’incoronazione di Parigi. Prossima occasione sabato in casa contro il Lens, con un punto da incoronare.

La corsa per l’Europa

Battendo una coraggiosa squadra dell’FC Nantes negli ultimi minuti (3-2), il Marsiglia ha raggiunto il suo duplice obiettivo: respingere simbolicamente l’incoronazione del rivale di Parigi e piazzarsi comodamente sul secondo gradino del podio. Eppure le cose erano cominciate male per gli uomini di Jorge Sampaoli. Due volte in vantaggio alle gambe delle Canarie, hanno dovuto contare su due rigori di Dimitri Payet prima che Amine Harit, allenata a Nantes, prendesse la vittoria all’inizio degli ultimi quindici minuti. Con questo successo, l’OM estende a sei punti il ​​vantaggio sul Rennes, terzo, e si aggrappa saldamente al secondo posto in classifica, sinonimo di qualificazione immediata alla fase a gironi di Champions League.

I grandi vincitori della serata vengono da Strasburgo e Lens. Falli da Rennes a La Meinau dopo una solida prestazione (2-1), gli alsaziani sono tornati sul loro avversario serale, appena fuori dal podio. Diallo e Ajorque siglano il successo del Racing, imbattuto da 11 giorni, nonostante il bel gol del pareggio di Terrier al rientro dagli spogliatoi. Strasburgo, Rennais e Monegaschi, che all’inizio della giornata hanno vinto il Nizza, ora hanno tutti 56 punti e dovrebbero lottare per il terzo posto fino alla fine, aprendo la strada agli spareggi di Champions League. Tranquillo vincitore del Montpellier (2-0), grazie a Fofana e Ganago, de Lensois consolida il 7° posto in classifica e recupera un punto dal Nizza. Indicano solo tre unità del trio Rennes-Strasburgo-Monaco. Mentre gli uomini di Franck Haise sono crollati nello sprint finale dell’anno scorso, hanno la possibilità di offrirsi una fine di stagione a palle di cannone.

I residenti di Strasburgo festeggiano il gol di Ludovic Ajorque contro il Rennes, il 20 aprile 2022. (PATRICK HERTZOG / AFP)

Indosseranno l’invidiato costume dei grandi perdenti della serata. Incapaci di battere il Brest, 12° al calcio d’inizio, i Lyonnais hanno visto quasi tutti gli avversari allontanarsi nella corsa alle posizioni europee. Travolti e veloci nel segnare, i Lyonnais pensavano di aver fatto del loro meglio segnando il pareggio a venti minuti dalla fine, ma hanno ingoiato un secondo gol fatale sul calcio. L’OL mantiene il suo 8° posto, ma ora è a quattro punti dal Lens, 7°, sette dietro Monaco, Strasburgo e Rennes, e probabilmente ha appena seppellito i suoi sogni europei per la prossima stagione.

Call of Duty Warzone: Godzilla traccia il suo percorso, il primo filmato distruttivo per anticipare il suo arrivo

Le GPU PCIe Gen 5.0 danneggeranno i tuoi alimentatori