in

7 giochi horror per i più coraggiosi disponibili su PS5

Notizie di gioco 7 giochi horror per i più coraggiosi disponibili su PS5

Nel tempo, PS5 continua ad ampliare il proprio catalogo, lasciando sempre più spazio a esperienze terrificanti e terrificanti. Per questo motivo gli editori di JV ti propongono 7 giochi horror da provare sull’ultima console di Sony.

Sommario

  • Alieno: squadra d’élite
  • Morto alla luce del giorno
  • Luce morente 2
  • The Dark Pictures: La casa delle ceneri
  • Cameriera di Sker
  • Marta è morta
  • Resident Evil Village

Alieno: squadra d’élite

Alieni: squadra d’élite è un gioco di sopravvivenza e sparatutto in terza persona, quindi un TPS, basato sulla famosa licenza cinematografica con lo stesso nome. Incentrato principalmente sul multiplayer, il titolo permette di scoprire la storia di tre soldati che si recano nel Katanga, una raffineria orbitale abbandonata, per evacuare uno scienziato della compagnia Weyland-Yutani. Lato gameplay sono disponibili diverse armi come il fucile d’assalto o il lanciafiamme, oltre a classi con ruoli ben precisi come il demolitore, il tecnico, il dottore o lo scout. Infine, se l’esperienza è incentrata sullo sterminio degli Xenomorfi, il bestiario diventa rapidamente molto vario, rendendo Alien: Fireteam Elite ancora più divertente da giocare.


Morto alla luce del giorno

Morto alla luce del giorno è un gioco multiplayer asimmetrico pubblicato nel 2016 e sviluppato da Behavior Interactive Inc. Nelle partite quattro contro uno, il titolo permette di incarnare un serial killer che cerca di decimare il gruppo di sopravvissuti, mentre gli altri partecipanti devono scappare a tutti i costi. Per raggiungere il loro obiettivo, devono riparare cinque generatori sparsi per la mappa e alimentare le porte di uscita, oppure trovare una botola nascosta. Ogni personaggio ha le sue abilità che influenzano la strategia da seguire, mentre ogni ruolo ha un gameplay specifico. Infine, tieni presente che questa edizione ti dà accesso solo a un totale di 7 assassini e 9 sopravvissuti, oltre agli accessori.


Luce morente 2

In Dying Light 2: resta umano, il giocatore si ritrova in un mondo pieno di zombi e dovrà fare affidamento sull’aiuto di altri sopravvissuti per uscirne. Sebbene lo scenario svolga un ruolo centrale in questa seconda puntata, devi regolarmente fare delle scelte che possono avere conseguenze importanti per il resto dell’avventura. Come al solito nel franchise di Dying Light, il titolo offre un mondo aperto e consente al giocatore di saltare da un tetto all’altro grazie alle impressionanti capacità fisiche del suo personaggio per andare al massacro infetto. Durante la tua esplorazione, dovrai anche adattare il tuo gameplay al ciclo del giorno. Le abilità sono un’altra parte importante dell’esperienza, poiché migliorano le proprie abilità nel parkour e nel combattimento.


The Dark Pictures: La casa delle ceneri

Come indicato dal suo nome, The Dark Pictures: La casa delle ceneri è il terzo gioco della serie The Dark Picture Anthology. Questa volta lo scenario si svolge nel 2003, nel bel mezzo della guerra in Iraq. Mentre le forze speciali statunitensi cercano armi di distruzione di massa, esseri soprannaturali si risvegliano nel deserto dell’Arabia Saudita. Come nelle altre opere, il giocatore segue le avventure di un gruppo di personaggi che cercano di sopravvivere. Per questo, qualsiasi scelta può avere gravi conseguenze, laddove è necessario controllare bene i sentimenti di tutti per svolgere le fasi esplorative.


Cameriera di Sker

Ispirato ai romanzi Case di SkerCameriera di Sker è un survival horror in prima persona ambientato nel 1898 in un remoto e inquietante hotel in Gran Bretagna. In questa esperienza in cui gran parte del gameplay è incentrato sul rumore, seguiamo le peregrinazioni di Thomas Evans, un musicista che cerca di salvare la donna che ama. Quindi devi stare attento perché qualsiasi movimento può attirare l’attenzione dei nemici. Questo a volte richiede di trattenere il respiro del tuo personaggio o addirittura evitare di colpire i mobili per rimanere discreto. In tutto questo, la tua unica arma è una sorta di globo che produce un canto che può assordare i tuoi inseguitori. A peggiorare le cose, sarai anche inseguito da Abraham, una creatura inquietante controllata dall’IA che può seguirti ovunque.


Marta è morta

Marta è morta è un thriller in prima persona sviluppato da Wired Productions. Nel 1944, mentre infuriava il conflitto tra Germania e Alleati, una nipote di un soldato tedesco trovò il corpo di una donna annegata in Toscana. In un universo che mescola realtà storica, superstizione e folklore, la sfida è scoprire le conseguenze di questa morte. Attenzione però, l’avvertimento all’inizio del gioco riassume lo stato d’animo generale del titolo: “Sconsigliato ai giocatori che potrebbero soffrire di artwork che coinvolgono sangue, mutilazioni, mutilazioni di corpi umani, piccole nudità e atti di autolesionismo” . Da riservare ad un pubblico informato.


Resident Evil Village

Da Resident Evil Village è il seguito diretto di Resident Evil VII, è meglio aver giocato quest’ultimo per capire tutte le sfide di quest’opera. In questa nuova orribile avventura, vediamo Ethan che ora vive pacificamente con sua moglie e sua figlia Rose. Sfortunatamente, mentre viene rapita per un motivo sconosciuto, Ethan si sveglia qualche tempo dopo, completamente perso in uno strano villaggio, governato dalla terrificante Madre Miranda. Come nella puntata precedente, c’è un gameplay in prima persona, ma questa volta in aree leggermente più grandi da esplorare. Se Village è meno terrificante di altri titoli del franchise di Resident Evil, è perché lascia spazio a un gameplay che fa molto affidamento su armi che ti permettono di conquistare il ben fornito bestiario che ti aspetta. Alcuni danno battaglie più interessanti.

A proposito di Resident Evil Village

Profilo di Endimurel, Jeuxvideo.com

Attraverso EndimuraleScrivi su jeuxvideo.com

PM

Camille Combal, un padre infastidito dai paparazzi

solo un vero fan sa rispondere a questo quiz, dalla domanda più semplice a quella più difficile