in

Avvicinandosi alla TV Oled Ultra HD 4K Samsung S95B, 55″ e 65″

Dopo le nostre notizie sulla serie Ultra HD 8K con il Samsung QN700BSamsung QN800B e Samsung QN900B e serie 4K UHD Samsung QN95B e Samsung QN90Blascia il posto alla serie TV OLED Samsung S95B che il brand ha presentato più o meno ufficialmente al CES di Las Vegas 2022 lo scorso gennaio.

Prima serie del genere in dieci anni (vedi le nostre novità IFA 13 > Samsung KN55S9C Oled TV: Oled curvo in Francia a settembre per scoprire i primi televisori OLED del produttore, la cui commercializzazione è stata rapidamente interrotta), il Samsung S95B segna una svolta nella strategia del gruppo coreano.

Samsung S95B, tecnologia OLED QD

Samsung infatti era già presente su LCD LED Edge, LCD Global Dimming, LCD Full LED Local Dimming e LCD Mini LED TV e ha deciso nel 2022 di investire anche nel mercato dei TV OLED. Ci sono due tipi di Samsung Oled TV in programma, copie White Oled (Woled) da un lato con pannelli del produttore LG Display (a presto le nostre novità Oled TV 2022: LG e Samsung uniscono le forze!), e i modelli QD Oled d’altra parte con pannelli delle fabbriche di display Samsung (vedi le nostre novità Samsung S95B, TV Oled Ultra HD 4K annunciata ufficialmente per maggio in Francia† Non abbiamo ancora le schede tecniche degli schermi Woled prima dell’inizio dell’anno scolastico a settembre. È invece il caso delle due referenze QD Oled che vi invitiamo a scoprire subito più nel dettaglio, il Samsung QE55S95B (55”, 140 cm) e il Samsung QE65S95B.

Samsung S95B, punta sul design

Il design della serie S95B vintage 2022, intitolata Blade Slim, è in linea con molti televisori OLED in commercio, estremamente sottile nella parte alta (dell’ordine di pochi millimetri), leggermente più nella parte bassa dove sul retro della piastra contiene l’elettronica (nessuna scatola One Connect), con uno spessore di circa 4 cm. La base, realizzata in lamiera, è molto simile a quella dei modelli QN95B e la lunetta della lamiera è molto sottile. L’aspetto generale è davvero sbalorditivo con una bella impressione di leggerezza.

Samsung S95B, specifiche principali

In termini di specifiche, i televisori Samsung S95B QD Oled Ultra HD 4K hanno un pannello Oled nativo a 10 bit e 100 Hz con un indice di fluidità PQI 4600. Sfruttano anche il processore Neural Quantum Processor 4K (vedi le nostre novità CES 22 > Samsung Neo QLED TV, Human Tracking Sound e True Dolby Atmos per il processore Neo Quantum 2022) popolare sui televisori QN95B. Come con i televisori 2021, combina il processo di Machine Learning e il processo di Deep Learning. Ma quest’anno non meno di 20 moduli di Deep Learning (rispetto ai 16 del 2021) sono al lavoro per una qualità dell’immagine ancora migliore (vedi le nostre novità CES 22 > Samsung Neo QLED TV, 20 moduli di deep learning e Real Depth Enhancer per il processore Neo Quantum 2022

Ricordiamo che il processo di Deep Learning si basa su un modello neurale, cioè senza l’intervento umano (a differenza del Machine Learning) nell’apprendimento del processore. Decide le modifiche necessarie agli algoritmi di elaborazione delle immagini per riguadagnare una qualità ottimale da una visualizzazione deteriorata.

Un altro miglioramento è la funzione EyeComfort Mode che, una volta connesso il televisore a Internet, regola delicatamente la luminosità e la temperatura del colore dell’immagine in base all’ora del giorno per un comfort di visione ottimale in ogni momento. Quest’ultimo, ad esempio, riduce la luce blu emessa la sera per favorire il sonno delle persone sensibili.

Samsung S95B, Quantum HDR 1500

Per quanto riguarda la qualità dell’immagine visualizzata sullo schermo, i televisori autoemittenti Samsung S95B sono in grado di spegnere completamente ciascuno dei (quasi) 8,3 milioni di pixel presenti. La densità dei neri è quindi perfetta. In termini di luminosità, la tecnologia QD Oled offre un picco di luce più elevato rispetto ai classici pannelli White Oled, qui 1500 nits, afferma Samsung (vedi l’immagine sopra† Sul lato HDR, i TV Samsung S95B sono compatibili con HDR10, HDR10+, HDR10+ Adaptive e HDR HLG.

Per i suoi televisori LCD e il loro rivestimento QLC (Quantum Light Control), con un indice di riflessione estremamente basso (i riflessi sono quasi inesistenti), gli schermi S95B beneficiano anche di un filtro antiriflesso. Al momento in cui scrivo, non si sa più nulla della sua natura.

Samsung S95B, Adaptive Sound+, AVA, OTS e Dolby Atmos

Anche la parte sonora è sotto i riflettori sui televisori Samsung S95B. La prima riguarda il processo OTS. Ha un totale di sei altoparlanti sul retro dello schermo (sistema 2.2.2) per una potenza totale di 60 W ma soprattutto la compatibilità delle tracce Dolby Atmos.

Per il resto troviamo la funzione Q-Symphony. Quest’ultimo consiste sempre, in presenza di una soundbar Samsung Q-Series 2020/2021/2022 collegata, nell’avvantaggiarsi degli altoparlanti della televisione accanto a quelli della soundbar per aumentare la riproduzione del suono, la sua ampiezza e la sua spaziosità.

Fino ad allora, infatti, quando una soundbar è collegata a un televisore, gli altoparlanti di quest’ultimo vengono poi disconnessi. Con il sistema Q‑Symphony firmato Samsung, rimangono attivi e contribuiscono in gran parte al miglioramento dell’audio percepito con una configurazione fino a 11.1.4, a seconda della soundbar collegata. E la dimostrazione che abbiamo visto mostra davvero l’efficacia del processo e la sua rilevanza. Se la soundbar è connessa in modalità wireless al televisore (tramite WiFi), la gestione delle colonne sonore Dolby Atmos è ovviamente prevista anche in modalità wireless.

La funzione Adaptive Sound+, un’evoluzione dell’Adaptive Sound che è ancora in grado di regolare le impostazioni audio del televisore in tempo reale in base all’immagine visualizzata, ora tiene conto dell’ambiente di ascolto. In caso contrario, è comunque necessaria la funzione AVA (Active Voice Amplifier), destinata a coprire automaticamente i nuovi rumori nell’ambiente TV. Ad esempio quello di un bollitore o di un aspirapolvere coperto da un aumento di volume gestito direttamente dal televisore. Niente panico, la TV silenzia l’audio, sempre automaticamente, quando il suono si interrompe.

Samsung S95B, funzione Multiview

Altro miglioramento, i TV OLED Samsung S95B Ultra HD 4K offrono la visualizzazione simultanea di due contenuti sullo schermo con la funzione MultiView attraverso altrettante finestre: la prima con il segnale di un canale TV o di una sorgente collegata alla TV; il secondo con lo schermo dello smartphone di un utente o proveniente da una console di gioco, o anche da Internet (vedi foto sotto)† Ci sono molte opzioni di visualizzazione, dal classico PIP a due finestre adiacenti.

Buon punto, lo standard HDMI 2.1 è richiesto con VRR, Freesync Premium, ALLM e HFR 4K/120 e compatibilità eARC sui quattro ingressi. E per abilitare la modalità Mirroring tra uno smartphone Samsung Galaxy e un TV Samsung S95B non devi far altro che sfiorare il secondo con il primo grazie alla funzione Tap View, e il gioco è fatto.

Samsung S95B, Amazon Alexa, Bixby, Google Assistant e il nuovo Tizen

Nel 2022, l’interfaccia di Tizen cambierà radicalmente per un’ergonomia sempre più sofisticata da un lato e per dare ai contenuti un posto di rilievo dall’altro. In effetti, Samsung sta attualmente collaborando con i provider di accesso a Internet per sviluppare applicazioni TV IP in modo che tu possa godertele direttamente da una Smart TV e non aver più bisogno di un decoder TV. Ad esempio, Orange TV sarebbe accessibile con un Login/mdp come myCanal.

L’assistente vocale Bixby è ancora disponibile, così come Google Assistant e Amazon Alexa. Ed è possibile passare facilmente dall’uno all’altro tramite il menu. Nel menù connettività dobbiamo trovare la funzione Wi‑Fi 5, la compatibilità Bluetooth 5.2 e AirPlay 2 più tante funzioni di comunicazione (Google Duo per le videochiamate ad esempio) o la possibilità di lavorare su questi documenti Microsoft tramite lo schermo Cloud on TV, segnalare.

Presenti anche le modalità di visualizzazione 21/9 o addirittura 32/9 per gli appassionati di videogiochi con il collegamento di un PC e la modalità Game Motion Plus. Ricordiamo che quest’ultimo (capace di videogiochi come suggerisce il nome) è molto interessante in quanto permette di innescare il processo di compensazione del movimento della TV da gaming mantenendo un Input Lag abbastanza basso. Per non parlare della nuova funzione Expert Calibration (vedi le nostre novità CES 22 > Samsung 2022 Neo QLED TV, calibrazione intelligente tramite Samsung Galaxy o iPhone) e un telecomando che è ancora alimentato a energia solare, ma potrebbe essere caricato tramite RF (radiofrequenza) nel 2022. Ad esempio, la zappette utilizza il WiFi del tuo box per caricarsi costantemente.

Naturalmente, la funzione SmartThings è ancora presente. La piattaforma Internet of Things (IoT) del gruppo è compatibile con Android e iOS, nonché con centinaia di dispositivi di altre marche (telecamere di sorveglianza tipo Arlo, altoparlanti intelligenti tipo Amazon Echo o Google Home, lampade connesse tipo Philips Hue, serratura connessa …). Le Smart TV Samsung si inseriscono così nei più moderni ecosistemi interattivi con il grande vantaggio, direttamente legato al loro DNA, di poter visualizzare sul proprio schermo molte informazioni: il volto di chi ha appena chiamato la porta, i contenuti del Samsung Frigorifero Family Hub, notifiche dal robot aspirapolvere o anche dalla lavatrice quando il ciclo di pulizia o lavaggio è terminato. Il televisore diventa così l’interfaccia privilegiata per accedere alle funzionalità degli apparati Smart Home.

Disponibilità annunciata per il mese di maggio. Prezzi consigliati: 2.499€ per il Samsung QE55S95 e 3.499€ per il Samsung QE65S95B.

Aggiornamento: si è verificato un problema con il modello durante la creazione dell’attuale Samsung S95B con pezzi reali di Samsung QN90B al suo interno. Le notizie sopra e sotto ora sono state corrette. Molte grazie a coloro che ci hanno avvertito.

Promemoria delle principali caratteristiche dei televisori Samsung S95B:

• Pannello a 10 bit

• Pannello 100 Hz

• Pannello Ultra HD/4K

• Pannello OLED QD

• Processore: Processore Neural Quantum 4K

• Funzione ampia gamma di colori

• Funzione gateway multimediale UPnP (DLNA)

• funzione eARC

• Funzione Panel QLC (Quantum Light Control).

• Funzione Game Motion Plus

• Funzione VRR

• Funzione ALLM (Modalità a bassa latenza automatica).

• Funzione Quantum HDR 1500

• Funzione 4K HFR 120

• Funzione AVA (Active Voice Amplifier).

• Funzione Q-Sinfonia

• Funzione OTS (Object Tracking Sound).

• Funzione immagine adattiva

• Toccare Visualizza caratteristica

• Funzione Adaptive Sound+

• Funzione Game Bar 2.0

• Funzione Super Ultra Wide Game View

• Funzione di calibrazione esperta

• Funzione UHD Dimming Pro all’avanguardia

• Funzione PQI 4600

• Compatibilità HDR10 e HDR HLG

• Compatibilità con Chromecast, Google Home, Google Assistant

• Compatibilità Dolby Digital Plus

• Compatibilità HDR10+

• Compatibilità NTFS (tramite USB)

• Compatibilità Miracast

• Compatibilità HEVC

• Compatibilità Fransat

• Compatibilità Wi-Fi Direct

• Compatibilità Wi-Fi ac

• Compatibilità HDCP 2.3

• Compatibilità Premium con FreeSync

• Compatibilità HDR10+ adattiva

• Compatibilità Bluetooth 5.2

• Certificazione di moda per filmmaker

• Uscite: 1 ottica

• Ingressi: 4 HDMI 2.1, uno con la funzione eARC, due porte host USB compatibili con Fat32 e NTFS, una porta Ethernet più una porta CI+ e certificazione Canal Ready

• Smart TV multimediale Tizen

• SmartThings multimediali

• iTunes multimediale

• AirPlay 2 multimediale

• Multimediale Amazon Alexa

• Multimediale dell’Assistente Google

• Bixby multimediale 2

• Maggiordomo digitale multimediale

• Google Duo multimediale

• Multimedia Multiview 2 schermi

• Ritardo di ingresso: 5,8 ms

• Luce di picco: 1500 nits

• Doppio sintonizzatore DVB‑T2

• Doppio sintonizzatore DVB‑S2

• Doppio sintonizzatore DVB‑C2

• Sezione audio: 2.2.2

• Potenza: 60 W

• Altro: Modalità ambiente

• Etichetta energetica: G (SDR e HDR)

Bardack vs Gas, sequel e fine!

questo è ciò che devi capire dalla fine dell’episodio 4