in

Dieci anni dopo Marte, questo pianeta diventa la nuova priorità della NASA

Gli accademici americani hanno deciso: dopo Marte, eletto dieci anni fa, hanno definito Urano la nuova priorità per gli astronomi e gli scienziati planetari per gli anni a venire. La promessa di nuove straordinarie scoperte… ma dovremo essere pazienti.

Ogni dieci anni, i principali scienziati dell’Accademia americana delle scienze, dell’ingegneria e della medicina collaborano per produrre un rapporto di grande prestigio che esplora sia i progressi della ricerca dall’ultima edizione, ma anche e soprattutto i percorsi che restano da esplorare. Nel capitolo cosmologico di questa nuova versione, questi specialisti hanno messo in evidenza una nuova priorità: si tratta di:Urano il settimo pianeta del sistema solare.

Se questo gruppo di scienziati altamente influenti è così interessato a questo gigante di ghiaccio, è perché finora non ha ottenuto tutta l’attenzione che merita. La versione del 2011 del rapporto ha individuato un’altra priorità molto più ampia, che è Marte. E il minimo che possiamo dire è che questa raccomandazione è stata seguita alla lettera.

Il prossimo grande progetto di esplorazione spaziale

Dall’inizio del decennio, è stato al centro dell’attenzione. Oltre alle diatribe di Elon Musk che non smette mai di proclamare il suo amore per il pianeta rosso, potremmo seguire molti lavori lì, uno più impressionante dell’altro; al momento sono presenti diverse macchine, tra cui: CuriositàPerseveranza e ingegno continua ad esplorare il pianeta rosso per scoprirne i segreti.

Gli ultimi due provengono daarrivando nel famoso delta che è lo scopo principale della loro missione, che è cercare di trovare tracce di vita passata. C’è quindi motivo di essere particolarmente entusiasti del resto degli eventi. Ma all’ombra di questa superstar cosmica, non c’è dubbio che anche altri corpi celesti nascondono veri tesori scientifici, mentre la NASA e altre agenzie non mostrano loro lo stesso amore.

Per dieci anni Marte è diventato il beniamino della NASA e degli appassionati di spazio… ma dovrà rinunciare a questo titolo onorifico. ©NASA

Questo trattamento preferenziale è principalmente spiegato dal distanze nel gioco† Marte orbita a circa 211 milioni di chilometri dal Sole; Urano, invece, si trova quasi… In media, a tre miliardi di chilometri dal sole. Una canzone che ne fa chiaramente uno oggetto particolarmente difficile da raggiungere† Attualmente, Viaggiatore 2 rimane l’unica nave ad aver visitato questo pianeta. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore…

…per ora comunque. Perché se la NASA segue le raccomandazioni degli accademici, come ha fatto di nuovo per Marte, possiamo aspettarci che un’armata di strumenti scientifici di prim’ordine inizi a interessarsene. E questo probabilmente inizia con il design di a nuova sonda appositamente per questo scopo.

Un affascinante oggetto di studio

E il minimo che si possa dire è che gli argomenti per questo viaggio non mancano. Perché se Urano rimane sotto molti aspetti molto misterioso, le poche informazioni a disposizione dei ricercatori sono sufficienti per sollevare molte domande.

La prima di queste idiosincrasie riguarda la sua natura. Urano è considerato a gigantessa di Ghiaccio, il che significa che è costituito principalmente da gas e liquido. Quindi, a rigor di termini, non ha una superficie reale. Una sonda potrebbe teoricamente avvicinarsi ad esso, ma sarebbe istantaneamente ridotto in polvere dalla pressione dantesca.

D’altra parte, significa anche che stanno avvenendo fenomeni affascinanti; come il suo stretto cugino Nettuno, ad esempio, sappiamo che è la casa del vero “pioggia di diamanti” negli strati intermedi della sua atmosfera!

Inoltre, il suo asse di rotazione solleva anche molte domande. La maggior parte dei pianeti ruota attorno ad un asse relativamente vicino alla “verticale” (o per essere più precisi, perpendicolare al piano definito dall’orbita). In Urano, invece, questo asse di rotazione è quasi parallelo al piano; così è lei “mentire” nel suo lavorocome se fosse stato colpito su un fianco da un colpo violento. In ogni caso, questa è una delle ipotesi che i ricercatori indagheranno.

A sinistra l’asse di rotazione terrestre; a destra, quella di Urano, molto più inclinata. © Università dell’Oregon / Pearson Education

Un gran numero di elementi aggiuntivi da studiare

Inoltre, Urano ha anche una bella collezione di elementi distintivi. Inizia con le sue due serie di anelli, sebbene non siano così notevoli come quelle di Saturno. Ha anche 27 satelliti che hanno tutti ereditato i nomi da opere di William Shakespeare o Alexander Pope. E questi oggetti sono tutti molto interessanti di per sé. Sono divisi in tre categorie; ci sono tredici piccoli satelliti cosiddetti “interni”, nove cosiddetti satelliti “irregolari”.

Ma troviamo anche e soprattutto cinque grandi lune. Di questi, quattro mostrano prove di processi geologici, criovulcanismo attivo e circolazione dei fluidi; elementi che li rendono naturalmente obiettivi prioritari per queste future missioni.

Basti pensare che gli argomenti non mancano, tanto più che la tecnologia necessaria è già perfettamente padroneggiata. Pertanto, tra tutti i progetti esaminati dagli accademici, l’esplorazione di Urano è apparsa come la progetto di grande spazio più maturo e pragmatico fino ad oggi† Il rapporto propone quindi di porre le basi logistiche e finanziarie della missione già nel 2024.

20 anni per i primi risultati… almeno

Ma dovremo aspettare ben oltre questa scadenza per vedere arrivare le prime notizie da Urano. Per cominciare, dovremo aspettare un finestra di avvio adeguata† In effetti, un veicolo spaziale non può decollare quando vuole. Deve tenere conto delle rispettive posizioni dei pianeti di partenza e di arrivo nelle rispettive orbite.

Può così risparmiare tempo e risorse, ma anche semplificare notevolmente le manovre di fine gara. Questo è già molto importante per destinazioni come la luna o Marte; ma lo è ancora di più quando si parla di oggetti così lontani, dove il tempo di percorrenza è al massimo contato in decenni.

Infatti, in condizioni ottimali, il veicolo potrebbe raggiungere Urano entro… Minimo 13 anni. E questa durata significa che puoi giocare su un effetto chiamato “catapulta a gravità” di spingersi verso Urano grazie al campo gravitazionale di Giove. Basti dire che la missione potrebbe essere facilmente ritardata di decenni se parte al momento sbagliato.

Per sfruttare questa catapulta gravitazionale e raggiungere Urano in un tempo rispettabile, dovremo aspettare che i pianeti si allineino letteralmente. La prossima finestra compatibile non arriverà prima 2031† questo significa che nello scenario più ottimistico, il velivolo non raggiungerà prima Urano 2043.

Il Real Madrid inventa una folle finestra di trasferimento per sorprendere il budget XXL di Mbappe ed Erik ten Hag per salvare il Manchester United

i prezzi medi dei biglietti aerei tra la Francia continentale e l’estero sono aumentati