in

i dipendenti possono beneficiare di un bonus di 3000 euro, ecco i coinvolti

Per iniziare bene la primavera, abbiamo portato buone notizie ! In effetti, potresti avere una buona sorpresa finanziariamente! Del resto, al momento non si può negare che i francesi stiano cercando la minima economia. In effetti, l’inflazione ha raggiunto il massimo storico. Tutti i prezzi delle materie prime sono aumentati, o benzina, gas, elettricità e alcuni generi alimentari. Purtroppo gli stipendi non permettono più di cavarsela in queste condizioni. Quindi, ti spieghiamo cosa ti colpirà questo nuovo bonus di 3000 euro!

Un nuovo bonus di 3000 euro per i dipendenti!

Il governo cerca di nascondere la miseria offrendo bonus. Non cambia molto, ma il francese prendi quello che c’è da prendere. Dopo il bonus inflazione, i buoni energia, scopri questo nuovo supporto e, ultimo ma non meno importante, visto che l’importo arriva fino a 3000 euro! Come funziona ? Chi è idoneo?

Una nuova misura, come funziona?

Dal 7 aprile vai all’applicazione per il tuo account di formazione personale denominata CPF. È impossibile che tu non abbia mai sentito parlare di questo termine, soprattutto con le numerose chiamate di prospect che ricevi ogni giorno. Andando sulla piattaforma, ci si può comunque trovare di fronte ad una bella sorpresa. I dipendenti e i dipendenti che non hanno avuto un incontro professionale con il proprio manager per almeno 6 anni riceveranno i ben 3000 euro. Le aziende con almeno 50 dipendenti e più sono le uniche interessate da questo nuovo sistema. Una misura che probabilmente piacerà a più di uno, questo è certo.

Secondo i testi di legge, tutti i dipendenti devono essere ricevuti dal proprio responsabile per un colloquio professionale e questo non oltre ogni due anni. Queste conversazioni professionali devono aver luogo in loco e durante l’orario di lavoro. Questa è un’opportunità per il dipendente e il suo manager di fare il punto sulla situazione carriera, le competenze acquisite e il futuro. È un diritto del lavoratore e un dovere del datore di lavoro. La formazione è quindi molto importante durante questa intervista. È il modo per acquisire nuove competenze, evolvere o cambiare lavoro. Quindi la gestione del CPF può essere parte della conversazione. Inoltre, questi accordi sono obbligatori dopo il congedo di maternità e paternità e anche dopo un congedo per malattia di lunga durata.

Chi sono le persone coinvolte in questa cifra di 3000 euro?

Diverse persone sono interessate da questo nuovo bonus. In fondo si tratta di dipendenti che devono svolgere colloqui di lavoro professionali ogni due anni e che quindi hanno contratti specifici. Ciò riguarda, ad esempio, diversi contratti come CDI, CDD, intermedio A tempo pieno o parziale. Inoltre, sono interessate da questa misura e da questo bonus di 3.000 euro anche le persone con contratto di apprendistato o apprendistato e contratti professionali. Tuttavia, ci sono regole ed eccezioni su ogni dispositivo. C’è solo un’eccezione per questa misura, che riguarda il nuovo personale† Del resto chi è alle dipendenze dell’azienda da meno di 2 anni non può beneficiare di questo bonus di 3000 euro. In ogni caso, la priorità andrà per il momento al più vecchio.

Le aziende sono consapevoli di rischiare questa multa di 3000 euro dal 31 marzo 2022. L’obiettivo è che ogni dipendente possa essere ricevuto e ascoltato durante questa conversazione professionale. Il imprese hanno tempo fino al 7 aprile per conformarsi a questa legge, il che significa che il premio non deve essere pagato. Questa misura soddisferà i lavoratori? Purtroppo non siamo convinti!


La tipica squadra L1 – Giorno 31 – Calcio

Anthony Delon: la risposta immediata di suo padre Alain alla sua autobiografia senza compromessi