in

I motivi per cui Jony Ive, il leggendario capo designer, ha lasciato Apple

Un libro attesissimo farà luce su ciò che è accaduto in Apple dopo la morte di Steve Jobs. L’ultimo articolo del New York Times si concentra proprio sugli eventi che hanno alienato Jony Ive, il leggendario capo designer di Apple.

I motivi per cui Jony Ive, il leggendario capo designer, ha lasciato Apple
Jony Ive e Tim Cook alla presentazione dell’iPhone XR 2018 //Fonte: Apple

Se non segui le notizie di Apple, sappi che questa settimana esce un libro molto atteso chiamato: Dopo Steve: come Apple è diventata un’azienda da trilioni di dollari e ha perso la sua anima† Puoi trovarlo 25 euro su Amazon Francia

Questo è un libro scritto dal giornalista del New York Times Tripp Mickle che racconta l’evoluzione di Apple dopo la morte nel 2011 del suo fondatore Steve Jobs. Il titolo suggerisce molto chiaramente il tono generale del libro e, a quanto pare, rappresenta in modo abbastanza accurato il pensiero di Jony Ive, il leggendario capo designer dell’azienda, che alla fine ha portato alla sua decisione di lasciare per avviare la propria azienda.

In attesa di mettere le mani su questo libro, Tripp Mickle ha pubblicato un articolo sul NYT (” Come i tecnocrati hanno trionfato in Apple“), tratto dal libro, che si sofferma proprio sulle vicende che separarono Jony Ive da Apple, prima filosoficamente e poi più concretamente.

Controversie con Tim Cook

La succinta spiegazione è che, a prescindere dal rispetto reciproco, Jony Ive e Tim Cook (attuale CEO di Apple) vedevano le cose in modo diverso su una serie di argomenti chiave.

Il design è sempre stata una priorità assoluta per Jony Ive, si potrebbe dire, mentre Tim Cook ha adottato un approccio più pragmatico e orientato all’utente. Parliamo del recente studio mac o gli ultimi MacBook con tutte queste porte (e il lettore di memory card!), sembra che siamo ormai lontani dalla passione del designer per le linee pulite e minimaliste dei prodotti che ha creato. È uno degli esempi più emblematici, ma le prime interruzioni risalgono al 2014, quando fu lanciato l’Apple Watch.

I motivi per cui Jony Ive, il leggendario capo designer, ha lasciato Apple
Apple Mac Studio // Fonte: Frandroid

Per Jony Ive, l’Apple Watch doveva essere un prodotto di lusso. Aveva immaginato una presentazione estremamente sontuosa, simile a una sfilata di haute couture, in un padiglione bianco da 25 milioni di dollari. L’obiettivo era quello di impressionare il giornalista di Vogue più di qualsiasi altro esperto di tecnologia. Tim Cook era d’accordo, ma solo in una certa misura, e una lunga serie di discussioni ha portato Jony Ive a sentirsi per la prima volta non supportato dalla sua stessa compagnia.

Come sappiamo, nel corso degli anni l’Apple Watch è diventato un prodotto relativamente popolare e mainstream, e sempre più focalizzato su fitness e salute, con versioni di lusso che stanno diventando sempre più popolari.

L'Apple Watch serie 7
L’Apple Watch Series 7 //Fonte: Arnaud Gelineau – Frandroid

Tim Cook ha sempre cercato di compiacere o compiacere Jony Ive il più possibile, temendo che la sua partenza incidesse seriamente sul valore delle azioni di Apple. Allo stesso tempo, però, Jony Ive era sempre più stressato a causa del notevole aumento del suo carico di lavoro in seguito alla partenza di Steve Jobs, quando divenne direttore a pieno titolo del dipartimento di design.

Quasi da un giorno all’altro, è stato a capo di oltre 100 dipendenti, oltre a un team di 20 che aveva guidato per anni. Tim Cook ha cercato di scendere a compromessi lasciandolo lavorare part-time e da casa, rinunciando ai compiti di gestione quotidiana e concentrandosi esclusivamente sulla progettazione di nuovi prodotti. Ma alla fine, non ha funzionato e fine 2019il produttore di iPod, iPhone e iPad ha detto addio all’azienda per cui lavorava dal 1992.

Anche a Jony Ive non è piaciuto il passaggio di Apple a una società di servizi. Il capo progettista si è lamentato del fatto che l’azienda stesse assumendo dirigenti d’azienda o, come li chiamava lui, ” contabili† La triste verità è che la presenza di Jony Ive era meno necessaria alla nuova Apple. Mentre il suo lavoro ha contribuito al successo di Apple, il gruppo americano è cambiato molto.

La mancanza di interesse di Jony Ive ha portato al famoso incontro per finalizzare il design deliPhone X† Dopo tre ore di attesa, i primi venti software designer Jony Ive hanno presentato le novità dello smartphone. Alla fine ha lasciato la stanza senza dare feedback alle squadre.

I motivi per cui Jony Ive, il leggendario capo designer, ha lasciato Apple
Apple iPhone X

Attualmente, Jony Ive lavora ancora per Apple dalla sua stessa agenzia chiamata LoveFrom. Ma il suo cliente emblematico è ora la Ferrari† Un’auto elettrica potrebbe essere la prossima grande novità di Jony Ive, ma dovremo aspettare almeno fino al 2025.


Per seguirci vi invitiamo a: scarica la nostra app per Android e iOS† Puoi leggere i nostri articoli, file e guardare i nostri ultimi video di YouTube.

In Lussemburgo: un nuovo ospedale “umano e rassicurante” entro fine 2028

Ascolto di musica: Qobuz accelera a livello internazionale