in

I polpi si danneggiano dopo il sesso e la scienza ora sa perché

BIODIVERSITÀ – Dopo aver deposto le uova, la femmina di polpo smette di mangiare e inizia a danneggiarsi, strappandosi la pelle e mordendosi le punte dei tentacoli. Pochi mesi dopo, il maschio si suicida. questo comportamento di Piovre ha sconcertato la scienza fino ad ora. I ricercatori hanno appena trovato la dichiarazione e pubblicheranno i loro risultati giovedì 12 maggio a valutazione biologia attuale

Nel regno animale, più grande è il tuo cervello, più a lungo vivi. “Eppure, a differenza di altri animali i cefalopodi con cervelli grandi hanno una durata eccezionalmente breve”, scrivono gli autori dello studio. I polpi generalmente non vivono più di un anno. Per comprendere questo paradosso, gli scienziati hanno esaminato da vicino le ghiandole ottiche del polpo, l’organo che controlla la durata della vita e la riproduzione.

Ormoni autodistruttivi

È stato nel 1977 che i ricercatori hanno capito che la ghiandola oculare era la causa della morte “programmata” del polpo, spiegano i media. avviso di scienza Questo organo è simile alla ghiandola pituitaria nell’uomo. Quando viene rimossa da una femmina di polpo, la creatura vive per diversi mesi dopo aver deposto le uova.

Oggi i ricercatori sanno molto di più su questo organo. Scoprono che almeno tre vie della ghiandola ottica vengono mobilitate dopo l’accoppiamento. Uno secerne ormoni noti per stimolare la riproduzione. Gli altri due producono principi attivi, “deidrocolesterolo e intermedi degli acidi biliari”, il cui coinvolgimento nel strategia riproduttiva

Grazie a questa svolta, i ricercatori possono ora nominare il comportamento riproduttivo del polpo: il “parità semi”. In breve, questo significa che l’animale può riprodursi e partorire solo una volta nella sua vita.

Una lenta decomposizione

La “parità di semel” è più spesso attribuita a piante, come cereali e verdure, che hanno una durata limitata. Alcuni chiamano anche questa strategia riproduttiva “Big Bang” perché è prolifica (i polpi depongono in media più di 50.000 uova) e mortale.

Questa morte “programmata” per natura è una lenta decomposizione. L’abito viola della madre del polpo assume colori spenti per diventare bianco. Nel corso dei mesi, la femmina avvizzisce e si disintegra. Una trasformazione spettacolare dovuta al fatto che nutre le sue uova con le proprie riserve.

I ricercatori ora sperano di studiare le altre molecole coinvolte in questo dolore lento e spiegare gli altri atteggiamenti sessuali dell’animale. “Quello che colpisce è che i polpi (…) sembrano impazzire prima di morire”, afferma il neurobiologo Clifton Ragsdale dell’Università di Chicago. Il comportamento riproduttivo estremamente complesso del polpo nasconde ancora molti misteri.

Vedi anche su L’Huff Post: Durante la guerra in Ucraina, gli animali furono accuditi da questi veterinari polacchi

Smartphone: in arrivo davvero gli schermi avvolgibili Samsung, ecco le prime immagini

Recensione WD Black SN770 1TB: un SSD di fascia media che non si sottrae alla concorrenza