in

Iniziare con Ray-Ban Stories, i primi occhiali connessi di Meta

7

Dopo Snapchat, è il turno di Meta di entrare nel mondo degli occhiali connessi. Con i suoi Ray-Ban Stories, l’azienda americana propone occhiali interessanti nella forma, ma con possibilità di utilizzo un po’ troppo limitate.

I primi occhiali connessi di Meta sono finalmente disponibili in Francia. Sviluppato insieme a EssilorLuxottica, è associato a uno dei marchi più noti del gruppo, Ray-Ban. A più di sei mesi dal lancio negli Stati Uniti, il prodotto sta finalmente attraversando l’Atlantico. Abbiamo avuto l’opportunità di provarne uno modello di meteorite per un po’, giusto per mostrarvi com’è la vita attraverso i nostri occhi (e le telecamere sui rami).

Un (quasi) classico paio di occhiali

Impossibile non parlare del design di questi occhiali, perché è prima di tutto un oggetto estetico prima che un oggetto connesso. È chiaro che Meta ha fatto un buon lavoro sul suo prodotto, dato che queste Storie sembrano quasi un classico paio di Ray-Ban. Nel caso delle nostre Meteore, le differenze sono molto sottili rispetto alla versione normale. Le molle sono più lunghe di 5 mm, la larghezza del ponte varia solo di pochi millimetri e l’altezza della lente occupa meno di 2 mm. In termini di peso, la coppia di Ray-Ban Stories non è molto più pesante di un telaio tradizionale. Ad esempio, abbiamo pesato il nostro Meteor, che indica un peso di 50,1 g, mentre i nostri occhiali da tutti i giorni pesano 22,4 g. Un peso raddoppiato che però non ci si sente davvero una volta sul naso.

È chiaro che la presenza dei due sensori sui pin destro e sinistro tradisce la capacità di questi occhiali di filmare o fotografare ciò che abbiamo di fronte. Ma i due moduli sono tutto sommato relativamente piccoli e sapranno essere discreti da lontano, soprattutto con una cornice di colore scuro, come il modello marrone che abbiamo ricevuto in prova. Aggiungiamo che le Ray-Ban Stories possono essere abbinate a lenti da vista, occhiali da sole e non.

Anche la custodia di ricarica è molto simile alla custodia che normalmente viene fornita con gli occhiali. Una grande scatola foderata in pelle a forma di pillola per conservare/caricare storie. l’interno è rivestito in feltro con cerniera in metallo: l’effetto premium c’è. Le uniche vere differenze tra questo case ed uno più classico sono la presenza di un LED di ricarica e di una porta USB-C. Al supporto, un LED bianco segnala agli altri quando scatti una foto o un video.

L'indicatore LED bianco indica la registrazione di un video o di una foto.

L’indicatore LED bianco indica la registrazione di un video o di una foto.

Parliamo di autonomia, perché rispetto a una coppia classica le storie hanno bisogno di essere ricaricate di volta in volta. L’autonomia può sciogliersi abbastanza rapidamente se gli chiedi un po’ troppo o se non pensi di poter interrompere la connessione piegando i rami. Prendendo tutte le precauzioni necessarie, la coppia può durare un giorno o due prima di dover essere riposta nella scatola. Quando la batteria è scarica, sono necessarie circa tre ore per caricare completamente gli occhiali.

La custodia contiene due connettori che consentono la ricarica.

La custodia contiene due connettori che consentono la ricarica.

Un’applicazione, compagno essenziale

Per mettere in pratica le sue poche storie, devi passare attraverso l’applicazione Facebook View. Ovviamente è necessario disporre di un account Facebook per sfruttare le funzionalità connesse degli occhiali. Innanzitutto, l’applicazione consente di importare foto e video realizzati utilizzando le storie. Gli occhiali devono essere abbinati al tuo smartphone tramite la rete Wi-Fi della coppia. Puoi selezionare il contenuto che desideri importare nell’app. Quindi tutto viene salvato lì, così come nella libreria di foto del tuo smartphone.

All’interno di Facebook View è possibile modificare foto o videoclip al volo, ma anche realizzare montaggi video. Scegliendo fino a 10 di essi, l’applicazione è responsabile della creazione di un breve montaggio posizionando le tue scelte dopo di esso. Sei quindi libero di scegliere l’effetto desiderato della transizione. Un’altra creazione è disponibile e si chiama “Flashback”. Questo ti permetterà di animare una delle tue foto, ma non come una gif. È più un effetto della fotocamera nell’inquadratura, un po’ come fare un in viaggio anteriore o posteriore. È divertente per cinque minuti, ma è improbabile che attiri il maggior numero di persone.

Infine, l’applicazione è fondamentale per gestire i vari parametri di Ray-Ban Stories. È per questo che è necessario controllare lo stato della batteria, attivare gli aggiornamenti software o disaccoppiare gli occhiali. L’attivazione dell’assistente vocale avviene anche direttamente sull’applicazione. Per la versione francese degli occhiali, che quest’ultima ha aggiornato per offrire un assistente che parla la lingua di Molière, si possono scegliere due voci. Questo assistente si attiva premendo l’unico pulsante nel ramo di destra o dicendo “Hey Facebook”. È possibile configurare un suono per confermarne l’attivazione.

Caratteristiche interessanti

Gli occhiali di Meta possono scattare foto o video grazie ai due moduli da 5 megapixel incorporati nella montatura. La combinazione dei due consente di scattare immagini paragonabili a un modulo ultragrandangolare su uno smartphone. Ma una volta che le tue foto sono state importate nell’applicazione (ci arriveremo più avanti), hai l’impressione che solo il sensore giusto possa catturare le immagini. Le immagini scattate non sono di alta qualità, tranne che beneficiano di un’eccellente nitidezza. Per i video, gli occhiali ti consentono di catturare brevi momenti fino a 30 secondi. Nel prossimo futuro, questo periodo sarà esteso a 60 secondi, il che dovrebbe consentire un utilizzo leggermente più avanzato (TikTok, Insta Stories o persino YouTube Shorts in bella vista).

Gli altoparlanti sono alloggiati nei rami che proiettano il suono direttamente nelle orecchie. A basso volume, le persone intorno a te probabilmente non sentiranno quello che stai ascoltando. D’altra parte, superare la soglia mediana e questo può cambiare rapidamente. Per ascoltare la musica, questo può essere molto pratico in un ambiente abbastanza tranquillo, come a casa o in ufficio. Ma una volta fuori, i due altoparlanti non possono competere con delle buone cuffie. In effetti, questa aggiunta sarà molto pratica per effettuare e ricevere chiamate, in quanto la qualità del suono è abbastanza buona, così come quella dei tre microfoni. Il ramo destro ha anche una superficie touch per controllare il volume del suono e le tue tracce musicali. Un dispositivo di scorrimento consente di controllare il volume mentre una pressione è in pausa. Toccando due volte si passa al brano successivo e toccando tre volte si passa al brano precedente. Una versione ben congegnata con cui puoi sbarazzarti del tuo smartphone o dell’uso dell’assistente vocale speciale.

Uno dei due altoparlanti è presente sotto i rami.

Uno dei due altoparlanti è presente sotto i rami.

Esattamente, questo assistente (“Hey Facebook”) offre un piccolo pannello di possibilità. Riproduci/metti in pausa la musica, cattura una foto o un video, alza/abbassa il volume e altro ancora. Impossibile registrare o riagganciare una chiamata al suono della sua voce, avviare un’applicazione o addirittura dettare un messaggio. Per saperne di più sulle diverse possibilità, ne abbiamo anche provata una: “Ehi Facebook, cosa puoi fare?”† Una domanda a cui risponde il mago: “Scusa, al momento è al di là delle mie capacità”† È un po’ un peccato e limita davvero l’interesse di questo assistente vocale. Bisogna però riconoscere che è altamente reattivo e può essere attivato senza dover alzare troppo la voce purché ci si trovi in ​​un ambiente tranquillo.

Un aggiornamento su riservatezza e privacy

È chiaro che l’ingresso di Meta nel mondo degli occhiali connessi può sollevare grandi interrogativi sulla privacy e sul rispetto dei dati. All’interno dell’applicazione è possibile gestire le varie informazioni che si vogliono inviare all’azienda o anche all’applicazione stessa. Puoi anche scegliere se condividere o meno informazioni sull’utilizzo di occhiali e app per migliorare l’esperienza. Dal lato dell’assistente vocale, l’applicazione può tenere traccia delle richieste effettuate, sempre con l’obiettivo di migliorare l’esperienza, afferma.

Tieni presente che nessuno dei dati condivisi con Meta si riferisce alle tue foto e ai tuoi video. Questo contenuto rimarrà sul tuo telefono o nell’app e non è in alcun modo destinato a essere ripristinato dall’azienda. A meno che tu non decida di condividere tutto questo su uno dei social di Meta…

Kevin Durant ostacolato dalla difesa fisica dei Celtics

Ilona Smet incinta e sposata: la giovane condivide una foto del suo pancione, a due giorni dal matrimonio