in

La NASA cerca di capire cosa c’è che non va nella sua sonda spaziale

La sonda Voyager 1 è stata lanciata 44 anni fa e continua il suo viaggio nello spazio interstellare. Ma il Nasa giovedì ha rivelato su Twitter che stava indagando su “un mistero” relativo alla famosa sonda spaziale.

Il Voyager 1 si trova a 23,3 miliardi di chilometri dalla Terra, ma questa lontananza non gli impedisce di trasmettere preziosi dati scientifici. Gli ingegneri dell’agenzia spaziale americana possono anche continuare a mandargli incarichi da svolgere. Ma attualmente hanno un problema con l’AACS (per “sistema di articolazione e controllo dell’atteggiamento”). Questo dispositivo permette di controllare l’orientamento della sonda, spiega: numeroma, ma anche per dirigere l’antenna. In effetti, questo dovrebbe sempre essere rivolto al nostro pianeta.

Non è un problema serio

“Tutti i segnali indicano che l’AACS funziona ancora, ma i dati di telemetria che restituisce non sono validi”, ha scoperto la NASA. Questo problema non ha avuto conseguenze gravi finora. Il sistema di protezione dai guasti non è attivato. In questo caso, sarebbero operative solo le attività primarie della sonda. La NASA è stata lieta di vedere che “anche il segnale del Voyager 1 non si è indebolito, suggerendo che l’antenna ad alto guadagno rimane nella direzione prescritta con il Suolo

Gli ingegneri continuano con gli esami. Nel frattempo si adattano. Data la distanza tra la Voyager 1 e la base, ci vogliono due giorni per spedire e ricevere un ordine. La NASA è ben consapevole che la sonda si avvicina ai 45 anni e potrebbe cadere abbattere sempre.

Sonic Frontiers: SEGA punta molto al mondo aperto 3D del riccio blu

una bella bici elettrica, ma una brutta sbornia