in

Le 9 date che hanno fatto il podcast francese

“Trasmissione radiofonica o televisiva che un utente di Internet può scaricare e trasferire su un lettore di musica digitale. † Questa è la definizione del podcast, entrato nel Larousse nel 2007. Il termine “podcast”, un portmanteau di “iPod” e “broadcast”, divenne inventato nel 2004 da un giornalista del quotidiano inglese la guardia† Negli anni successivi emerge una definizione più ampia, con elementi tecnici: un podcast è un contenuto audio prodotto per la distribuzione online, principalmente tramite un feed RSS.

Il feed RSS è un formato dati innovativo che scarica automaticamente i dati dalla stessa fonte. A differenza del download diretto, non devi più andare su un sito per scaricare ogni nuovo spettacolo, l’aggregatore si occupa di questo per te. Il termine “podcast nativo” apparirà in seguito. Le stazioni radiofoniche lo usano per denotare le loro produzioni pensate direttamente per il web. Si oppongono ai programmi disponibili in recupero, chiamati semplicemente “podcast”. Ora che ci sono le definizioni, diamo un’occhiata alle 9 date che hanno creato il podcast francese.

2001: La prigione di Naheulbeukla prima pietra del podcast francese

Un nano, un elfo e un ladro: ecco gli eroi preistorici del podcast. Ma il Dungeon post corridoio, una soap opera audio ambientata in un universo fantasy eroico che mescola l’assurdo e la caricatura dei codici del genere, non è esattamente un podcast: non puoi scaricare la narrativa sonora di John Lang via software. Devi andare direttamente al sito del creatore per scaricarlo e/o ascoltarlo. Tuttavia, il programma è un’opera di culto del web in lingua francese.

2002: Arte Radio fa podcast senza saperlo

Nel 2002 Arte lancia Arte Radio: uno studio dedicato alla creazione di suoni sul web. Il termine podcast non esiste ancora: stiamo parlando di audio nativo. “Native”, perché “nato” va in onda online. Nel 2008 lo studio ha ricevuto un Europa Prize, un punto di riferimento per la creazione radiofonica, per la serie “Le Bocal”, prodotta da Mariannick Bellot e Christophe Rault. Grazie a questo premio la web radio finisce nelle big.

Ottobre 2005: Edizione a capofitto all’audio nativo

2005, Edizione inaugura la sua rubrica quotidiana “Il suono del giorno”. Nel menu: tre minuti di suono al telegiornale. Guidato dal giornalista Hervé Marchon, questo format originale durerà dieci anni. LibéLabo nasce nel 2007: un servizio di tre persone dedicato alla creazione di suoni e video. Stanno emergendo molti podcast, tra cui: “Silenzio noi suoniamo”ideato e presentato dal giornalista Erwan Cario. Dopo quindici anni e 500 episodi, è uno dei più antichi podcast francesi attivi. Vittima della ristrutturazione di EdizioneLibéLabo ha chiuso i battenti nel 2014. Allora i giornali piuttosto vai in videoconsiderato più redditizio.

Giugno 2005: con iTunes il podcast diventa mainstream

Apple sta cambiando il gioco. Nel giugno 2005, il software iTunes per l’acquisto e l’ascolto di musica a marchio Apple è stato trasformato, con la possibilità di scaricare e ascoltare podcast. Ora puoi gestire facilmente la tua musica E i tuoi podcast con un unico software. Le radio assumono questa funzionalità. RTL apparirà nel catalogo Apple da agosto 2005, Europe 1 e Radio France seguiranno a dicembre 2005 e febbraio 2006. Contengono programmi già trasmessi sulle loro antenne: iTunes diventerà (anche) una piattaforma di recupero. Siamo lontani dal concetto originale del format, ma le radio invitano gli ascoltatori a trovare i loro programmi “in podcast”. Questo è un passo importante per familiarizzare il pubblico con la parola e la cosa.

2008: Il podcast “amatoriale” alza il volume

Il fenomeno è difficile da quantificare, ma dalla fine degli anni 2000 assistiamo a un aumento del numero di podcast. Lo attestano i dati di Podcloud, host e catalogo dei podcast francesi (vedi grafico). La maggior parte dei creatori – l’universo dei podcast all’epoca era ancora molto maschile – parla delle proprie passioni: film, serie, sport… Senza paga e nel tempo libero. C’è quindi poca o nessuna attenzione da parte dei media. Inoltre, qui stiamo parlando di podcast “amatoriali”, perché semplicemente non esiste ancora un modello economico.

Le strutture iniziano a distinguersi. Tra questi Radio Kawa, fondata nel 2007: un raduno di produttori appassionati che è diventato un marchio a sé stante e un’etichetta. Politica, videogiochi, musica… tutti gli argomenti sono trattati. Radio Kawa ha prodotto 68 programmi nei suoi tredici anni di esistenza, per un totale di 2.364 episodi.

Alcuni, attraverso piattaforme come Patreon, che consentono al pubblico di sostenere finanziariamente i creatori, fare il passo verso la professionalizzazione† Questo è stato il caso di Patrick Béjà nel 2014, che ora genera un reddito di diverse migliaia di euro al mese.

2010: NoWatch, primo tentativo in uno studio privato

È il primo. Siamo nel 2010 e Jérôme Keinborg e Christophe Ponsolle, due parigini del mondo della comunicazione, creano NoWatch, uno studio di podcast professionale. La struttura riunisce programmi preesistenti (audio e video) e cerca di produrre contenuti originali. Ben presto ha stretto una partnership pubblicitaria con Numéricable: 10.000 euro al mese per promuovere l’internet provider. Tuttavia, nel 2013, la struttura ha chiuso i battenti. Ci sono diverse ragioni per questo. La difficoltà per NoWatch di accedere a misurazioni dell’audience continue e affidabili impedisce all’azienda di trovare nuovi partner. Poi arriva la questione dell’hosting dei contenuti. Quando metti i tuoi contenuti su YouTube, la piattaforma si occupa della sua archiviazione senza addebitarti nulla. Tuttavia, NoWatch decide di non pubblicare i propri video sul servizio. La struttura si fa quindi carico delle proprie spese abitative. Conto: 7.000 euro al mese! Mentre Cyprien, Norman e altri Natoo (che poi si definivano “podcaster”) sono un successo, NoWatch taglia il suono.

2013: Le Mouv produce audio… non per la radio

Nel 2013, la radio pop-rock rivolta ai giovani ha cercato di ‘delinearizzare’ i suoi contenuti: i programmi sono stati preparati e trasmessi come podcast prima ancora che andassero in onda. Radio France gli assegna un primo “budget del programma” (70.000 euro). Il produttore Thomas Baumgartner ci dedica un quarto del suo tempo. La Webline (questo il nome di questo servizio) scompare un anno dopo, dopo un cambio di gestione. Questo tentativo fallito prefigura l’attuale offerta di podcast “reali” su stazioni radio pubbliche e private.

2015: Inizio del Podcast Industrial Age in Francia

Il 2015 segna l’inizio dell’era industriale dei podcast. Non sono più individui isolati e volontari o strutture senza scopo di lucro a produrre podcast, ma aziende. I loro nomi sono Louie, Binge, Paradiso, Nouvelles Ecoutes… I podcast restano gratuiti; gli studios guadagnano denaro assorbendo pubblicità o stringendo partnership attorno alle loro produzioni, persino producendo contenuti per i marchi. Al timone, spesso profili giovanili e femminili. Tutti segnati dal successo negli Stati Uniti del podcast Serial: una controindagine su un omicidio avvenuto negli anni ’90, divenuto un riferimento per la nuova generazione dell’audio nativo.

Nel 2018 si terrà la prima edizione del Paris Podcast Festival. L’evento mira a “decifrare le nuove tendenze e riunire le persone attorno a un fenomeno mediatico che è diventato una vera pratica culturale”. Gli studi di nuova creazione occupano un posto importante nella programmazione.

Il “boom” del podcast non è privo di problemi. Due studi saranno condotti nel 2021 (Telerama 8 luglio e parte multimediale, 16 e 20 ottobre) alza il velo sulle difficili condizioni di lavoro in alcuni importanti studi (molestie, ritmi frenetici di lavoro, salari ridotti, ecc.). Il podcast non sfugge ai lati negativi della professionalizzazione.

2019: Puristi vs Commercianti

Con la crescita del mercato dei podcast, in Francia emergono due visioni. Da un lato gli studi privati, riuniti dal 2019 all’interno dei PIA (Produttori Audio Indipendenti). Il loro obiettivo? Monetizza il podcast e genera entrate da esso. D’altra parte, i puristi, guidati principalmente da una concezione molto aperta della loro passione. Per loro, il podcast deve rimanere accessibile sia tecnicamente che finanziariamente. A giugno, 150 creatori di podcast firmano un “manifesto podcast aperto”. Chiamano “non incoraggiare le piattaforme a raccogliere più dati del necessario”, “non chiudere l’ecosistema” [..] nelle applicazioni, e a “Continuare a pensare al podcast come a un mezzo decentralizzato, interoperabile, basato su tecnologie facilmente accessibili (XML, MP3) e disponibile per tutti”. Sospettiamo che i firmatari stiano prendendo di mira giocatori come Majelan, un’applicazione francese criticata da parte della community francese dei podcast per la sua strategia, come ha spiegato Numérama nel luglio 2020† Ma anche player più grandi, come Spotify. Desideroso di affermarsi nel panorama dei podcast, il gigante della musica online ha attuato una strategia ambiziosa nel 2018. Ha moltiplicato le acquisizioni di reti di podcast (Gimlet, Parcast) e offre contenuti esclusivi (in particolare il podcast del comico americano Joe Rogan). Come il web prima, il podcast è teatro di un campo di tensione tra ricerche idealistiche e considerazioni commerciali.

WhatsApp sostituisce WeTransfer, ma anche Facebook e Slack

Filetti di pesce venduti da Carrefour e Leclerc ricordati dopo la scoperta di tracce di listeria