in

Lingua francese: nuovi termini e condizioni ufficiali per i videogiochi | Xbox Uno

Il mondo dei videogiochi ha sempre usato e abusato degli anglicismi. Questo è un fatto. Forse troppo? Su questo comunque indaga l’ente France Terme, sotto la diretta supervisione del Ministero della Cultura. Ufficialmente, alcuni termini della lingua di Shakespeare hanno ora un equivalente intelligibile per coloro che parlano la lingua di Molière.

Come si dice allora?

Un linguaggio, qualunque esso sia, è evolutivo: deve essere in grado di adattarsi al tempo in cui viene praticato per prosperare e sopravvivere in futuro. Il secolo scorso ha visto la nascita di molti campi e innovazioni per i quali la lingua francese non era preparata, come i videogiochi. Se la nascita dell’industria dei videogiochi ha un legame innegabile con il mondo anglosassone, non è il caso della Francia. Con il tempo, quindi, è diventato più facile prendere in prestito termini dalla lingua inglese per parlare di “videogiochi”. Fino ad ora ?

Il Ministero della Cultura ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29 maggio, grazie alla Commissione per l’arricchimento della lingua francese, un insieme di vocaboli provenienti dal campo lessicale dei videogiochi e pronti per l’uso. In particolare, questa organizzazione aveva proposto il termine “e-mail”, piuttosto che l’anglicismo “e-mail”, per evocare la posta elettronica. Il processo è quindi sfociato in a offerta di più parole, richiamate sulla piattaforma online France Terme:

  • giocatore occasionale diventa “Giocatore occasionale”
  • giocatore accanito diventa “ipergiocatore”
  • gioco di abilità diventa “gioco di abilità”
  • giochi sociali diventa “Social Game” (online)
  • gioco retrò diventa “Gioco retrò”
  • Il gioco come servizio diventa “Videogioco on Demand”
  • gioco su cloud diventa “Videogioco Cloud”
  • Attuale diventa “Giocatori dal vivo”
  • programmatore diventa “Giocatori Professionisti”
  • eSport diventa “Videogioco da competizione”
  • Scommesse/giochi d’azzardo sulla pelle diventa “Scambi di oggetti virtuali”
  • pagare per vincere diventa “Paga per vincere”
  • Annunci in-game diventa “Pubblicità in-game”
  • Liberi di giocare diventa “Videogioco ad accesso gratuito”
  • Accesso anticipato diventa “Accesso anticipato”
  • Pass stagionale diventa “Abbonamento Stagionale”
  • Contenuti scaricabili (DLC) diventa “Contenuto scaricabile aggiuntivo (CTA)”
  • Matchmaking diventa “Accoppiamento giocatori”
  • Sartiame diventa “scheletro”
  • Segui la mano diventa “Segui la mano”

Mentre alcuni di questi nuovi termini potrebbero non esserti sconosciuti, o potrebbero persino essere in uso, altri, come “abbinamento giocatori”, sembrano chiaramente destinati a fallire. La lingua inglese è unica in quanto consente abbreviazioni brevi, molte delle quali fanno parte del vocabolario dei giocatori da molto tempo. Resta il fatto che l’iniziativa di ufficializzare queste parole rappresenta un’occasione per coglierle per dar loro vita e farle evolvere. Ognuno è ovviamente libero di usare il termine che gli si addice meglio. Dopotutto, non si tratta tanto del linguaggio che si usa, quanto dei mezzi per farsi capire. Promettiamo che non parleremo ancora di “Xbox Cloud Gaming”. Gioco su cloud per Xbox

La macrofotografia con uno smartphone è possibile (anche senza un obiettivo speciale): ecco i nostri consigli

questi prodotti possono essere pericolosi per la salute, questi sono polli venduti da Leclerc