in

PlayStation Conference 2022: cosa dovrebbe fare Sony per le nostre PS4 e PS5?

È l’estate dei videogiochi, il periodo delle conferenze, e scoprirai che Sony ha cose da mostrarci attraverso il suo marchio PlayStation! Quest’anno il colosso giapponese ha più che mai per cui giocare, e lo vedremo in video. Andiamo !

Panoramica

  • I requisiti del 2022
  • Nuovi servizi
  • Il piccolo tocco indie
  • progetti stellari
  • I momenti salienti del futuro

Il testo seguente è una trascrizione del video qui sopra

I requisiti del 2022

Cominciamo con ciò che deve assolutamente entrare nell’atmosfera quest’estate: i blockbuster del 2022. Parleremo di due giochi qui: Dio della guerra: Ragnarok e abbandonato. Il primo è il seguito di Dio della guerra (2018) del 2018, un’incredibile versione rinnovata del picchiaduro che ha reso PlayStation 2 un successo. Dopo una carriera di 13 anni, il franchise è tornato nel 2018, mostrando un’impareggiabile padronanza dell’argomento. Gameplay aggiornato, registrazione della sequenza completa, nuovo cast e nuova atmosfera. Kratos, dopo aver decimato l’intero Olimpo, attacca gli dei nordici. Suo figlio, Atreus, fa alcuni colpi di scena nel gameplay con una forte enfasi sull’umanità del nostro dio della guerra preferito. Questo sequel, che esce più di 4 anni dopo il primo opus, uscirà su PS4 e PS5. Ma abbiamo bisogno di un chiarimento. Riuscirà la versione PS5 a liberarsi dal rendering molto corretto, ma già visto, della versione PS4? Il gigantismo degli scontri, con boss sopraffatti, tornerà per questa versione? Perché bisogna ammetterlo, nel gioco del 2018 mancavano avversari epici. God of Ragnarok è anche logicamente la fine di un arco narrativo e, se seguiamo la storia mitologica, implica alcune battaglie grandiose. Basti pensare che le squadre sono più sotto pressione che mai. Speriamo di non rimanere delusi e di rimettere sotto controllo il gioco del 2018, in un’ambientazione ancora più leggendaria.

PlayStation Conference 2022: cosa dovrebbe fare Sony per le nostre PS4 e PS5?

Un’altra necessità comunicativa per Sony, pronunciato, sviluppato da Square Enix. Dopo un bel po’ di ritardo, il gioco, previsto per il 24 maggio, verrà finalmente rilasciato l’11 ottobre. Il gioco ha un piccolo gap di fama che dovrà essere colmato, ed è un progetto da non perdere per il publisher giapponese e per il produttore Sony. Il titolo, infatti, è un’esclusiva PS5 e aiuterà quindi a vendere la macchina a fine anno, per via della sua estetica e proposta. Ma è proprio su questi punti, tecnicamente e artisticamente, che il gioco è stato un po’ debole nei test di dicembre 2021. Square Enix dovrà quindi mostrarci la sua padronanza del Luminous Engine e farci sapere come stupire quando lo si utilizza . Fluidità e spettacolo, in un mondo che speriamo sia più popoloso e vario di qualsiasi cosa abbiamo visto finora, questa è la scommessa che Forspoken deve prendere. Questa stagione estiva sarà l’occasione per mettere in evidenza i progressi delle squadre e prepararsi con più calma all’uscita prevista per la fine dell’anno.


Nuovi servizi

Secondo punto che PlayStation e Sony dovrebbero comunicare quest’estate: i grandi cambiamenti nei servizi. Probabilmente l’hai visto, il servizio di punta di PlayStation, PlayStation Plus, cambierà quest’estate per offrire più funzionalità. Ci sono 3 formule in arrivo, la formula di base, che non cambia la formula corrente. La formula Extra che include un catalogo di giochi per PS4 e PS5 on demand e la formula Premium che, oltre al cloud gaming, aggiunge giochi retrò potenziati e formule di prova di 2 ore per la maggior parte dei giochi principali. Questo cambiamento non è un’impresa da poco per Sony e dovremo farlo conoscere al grande pubblico. La messa in servizio in Europa è prevista per fine giugno, quindi tanto vale approfittare dell’estate dei videogiochi per spingere, convincere gli ultimi titubanti e informare i curiosi. Come sapete, Sony è anche un grande attore nell’intrattenimento, al di fuori dei videogiochi, e non diremo di no ad alcuni teaser su un possibile mix di servizi.

PlayStation Conference 2022: cosa dovrebbe fare Sony per le nostre PS4 e PS5?

Metti un pizzico di Crunchyroll per gli amanti degli anime, degli eSport con l’EVO, di proprietà di Sony, o anche del catalogo di film e musica. Insomma, un’offerta globale, integrata negli abbonamenti ai giochi. E non è fantasia, è realtà da quando l’anno scorso Sony ha testato in Polonia il PlayStation Plus Video Pass, che ha dato accesso al catalogo cinematografico Sony Pictures. Un primo tentativo di cui vorremmo avere il riscontro. Il servizio e la guerra del catalogo sono un’area super importante per PlayStation, quindi non vediamo l’ora di un discorso imminente poiché il colosso giapponese mette sotto i riflettori questa parte della sua strategia.


Il piccolo tocco indie

Basta con i blockbuster, passiamo ai giochi indie. Alla Sony ce ne sono due di cui attendiamo novità. Il primo è chia, un gioco della Nuova Caledonia, ispirato ai luoghi e alle leggende che hanno forgiato questa zona poco conosciuta e piuttosto rara nei videogiochi. È colorato, fa viaggiare, e noi seguiremo una bambina, una convinta avventuriera. Può muoversi, arrampicarsi, scivolare, arrampicarsi sulle cime degli alberi per usarli come fulcro. Sembra molto libero e, un po’ più innegabilmente, possiamo impossessarci degli animali e degli oggetti che ci circondano! Fai una piccola planata ai comandi di un parrocchetto, sorvola un accampamento nemico, prendi possesso di una lanterna, inviala esplosivo e svolazza per lo spettacolo! Stiamo solo aspettando la data di uscita, provvisoriamente fissata in un vago 2023.

PlayStation Conference 2022: cosa dovrebbe fare Sony per le nostre PS4 e PS5?

L’altro gioco indie molto atteso di Sony è Stagione† Un gioco incredibilmente artistico, ogni momento del trailer è un vero quadro, compresi i momenti di gioco che coinvolgono camminare e andare in bicicletta. Non sappiamo ancora quale forma assumerà il gioco finale, ma il punto positivo è che dopo un tumulto interno vissuto dallo studio Scavenger l’anno scorso, il team sembra ancora lavorare attivamente al gioco e molto spesso comunicare in proprio blog speciale. Impariamo di più sul level design e sulle straordinarie composizioni dei set presentati. Ora che siamo sotto l’incantesimo, è tempo di mostrarci un po’ di più sul lato del gameplay, e cosa potrebbe esserci di meglio del tradizionale periodo estivo per godercelo?


progetti stellari

Anche tenere una conferenza impressiona, e da questo lato è abbastanza facile identificare due giochi di Sony che, solo per la loro presenza, daranno all’evento una presenza globale. Si tratta di Final Fantasy XVIe il remake di KOTOR.

FFXIV è stato a lungo il Final Fantasy più avvincente, per la semplice e buona ragione che è uno dei pochi, per quasi 20 anni, il cui sviluppo è andato secondo i piani. Questo traguardo è dovuto al team di Naoki Yoshida, l’uomo forte di Square Enix, che per 10 anni ha fatto di FFXIV il motore dell’azienda. Nonostante il gioco sia stato un vero fiasco alla base, se volete la storia completa vi rimandiamo al nostro video speciale, è un passaggio emozionante nella vita di Square Enix. Quest’uomo e le sue squadre sono ora responsabili del prossimo FF crittografato, il 16, e dopo una rivelazione nel 2020 non abbiamo nulla di nuovo. È desiderio del team, vi ricordiamo, Yoshida vuole mostrare il gioco a fine produzione per aumentare l’hype e soprattutto per evitare delusioni lungo il percorso dovute a promesse non mantenute. Va detto che FFXV c’è stato, ed era quindi importante rivedere la metodologia di produzione da cima a fondo. Per quanto riguarda l’atmosfera, ci troveremo su una fantasia medievale, con la magia dei fratelli d’armi contro tutto e gigantesche creature luminose. Per quanto riguarda il combattimento, è il designer di combattimento di Devil May Cry a comandare, e ciò può essere visto nei pochi secondi di confronto, in tempo reale e molto verticalmente, che abbiamo potuto vedere nel primissimo trailer. Le luci sono verdi, non resta che mostrare tutto questo in dettaglio con un periodo di uscita.

PlayStation Conference 2022: cosa dovrebbe fare Sony per le nostre PS4 e PS5?

l’altro grande successo di com è KOTOR Remake, la versione resuscitata del gioco Star Wars Knight of the Old Republic. Rilasciato su Xbox e PC nel 2003, il gioco è considerato IL miglior gioco di Star Wars mai rilasciato, quindi potrei anche dirti che è stata una sorpresa vederlo tornare come un’esclusiva a tempo limitato per Sony, riabilitato. Tuttavia, quando è stato annunciato, avevo seri dubbi sul risultato, per diversi motivi: se non altro perché un vecchio gioco di ruolo a turni come KOTOR ha bisogno di un enorme restyling per essere visibile oggi. Poi, perché lo studio dietro è responsabile di questo grande sviluppo, lo studio Aspyr. Se non ti dice niente, è normale. È un’azienda con quasi 140 dipendenti, che esegue porte per console e PC da oltre 20 anni. Problema, le porte interessate non sono sempre di qualità. Vederli rifare un monumento come KOTOR, dalla A alla Z, con così poche persone, è un esercizio rischioso, ma fortunatamente abbiamo appreso a metà maggio che dietro il progetto c’era il team di Sabre Interactive.


I momenti salienti del futuro

Dai, ci stiamo avvicinando alla fine delle nostre aspettative e logicamente Sony potrebbe riporre una piccola moneta nella sua partnership con Marvel, mostrando immagini di Marvel’s Spider Man 2previsto per il 2023 come esclusiva per PS5 e lo sono Wolverine della Marvel, anche nel 2023 su PS5. Perché aspettare questi giochi? Come Forspoken, è una nuova generazione, esclusiva per PS5 e, a differenza di KOTOR Remake, è uno sviluppo interno. Sony deve quindi dimostrare la sua padronanza dei misteri della sua nuova macchina, e chi meglio di Insomniac Games può schiarirci le retine con le sue conoscenze tecniche.

Chiudiamo con le sorprese. Personalmente, a parte Death Stranding 2, che è stato appena ufficializzato in un’intervista di Norman Reedus. Anche Metal Gear Solid Remake, su cui stiamo martellando da mesi e mesi, sarebbe il benvenuto. Abbiamo anche il ritorno di Silent Hill, citato nelle ultime settimane, che potrebbe benissimo sfruttare l’estate dei videogiochi per mostrarsi, e sappiamo come le licenze Konami fossero un tempo legate al brand PlayStation. Una conferenza è il luogo perfetto per formalizzare la restituzione di queste due licenze. Idem da parte di Capcom, che ha spesso approfittato delle conferenze PlayStation per svelare il suo nuovo Resident Evil, e potrebbe svelare Resident Evil 9 in questa occasione quest’estate.

Informazioni su PlayStation 5

Scorn: il gioco horror previsto per ottobre su Xbox descrive in dettaglio il suo scontro a fuoco | Xbox Uno

finalmente sappiamo chi da Amazon, Disney o Apple acquisterà l’editore