in

Questo non è un ciottolo, ma il resto di una rara supernova

Una roccia scoperta in Egitto nel 1996 sembra provenire da una supernova termonucleare distante anni luce, diversi miliardi di anni fa. In che modo gli scienziati hanno tracciato la storia sconcertante di questa pietra?

Pesa 33 grammi e si chiama Ipazia. È una pietra. Ma è molto diverso da quello che di solito puoi raccogliere perché viene da molto lontano. Scoperta nel 1996 in Egitto, Ipazia è una pietra aliena (letteralmente). Proviene, molto probabilmente, dal nucleo di a cometa† A causa di questa specificità, è oggetto di studio approfondito.

Uno studio, che sarà pubblicato nell’agosto 2022 sulla rivista scientifica Icaro ma già disponibile), suggerisce Ipazia è ancora più affascinante: sarebbe il resto di a supernova, e inoltre di un tipo raro di cui non avevamo traccia materiale sulla Terra in questo momento. Come possiamo tracciare la potenziale storia interstellare di un sassolino?

hypatia_frammenti
Frammenti di Ipazia (con una moneta in basso). // Fonte: Università di Johannesburg

Ecco la (potenziale) storia di Ipazia

La composizione chimica di ogni oggetto racconta una storia. Rivela una cronologia e un’origine. Ipazia suggerisce che provenga da polvere e soprattutto gas caratteristici: proverrebbe da un oggetto “genitore” che si sarebbe formato a sua volta da una supernova di tipo Ia, cioè termonucleare. La forma della roccia, cioè il modo in cui tutto questo materiale è aggregato, è un ulteriore indizio.

In un certo senso, possiamo dire che abbiamo sorpreso l’esplosione di una supernova in piena azione Ia, perché gli atomi di gas di questa esplosione sono rimasti intrappolati nella nuvola di polvere circostante, che alla fine ha formato il corpo genitore di Ipazia », Dettagli uno degli autori, Jan Kramers, sul sito web dell’Università di Johannesburg 17 maggio.

La datazione è altrettanto sbalorditiva, in quanto implicherebbe che la pietra si è formata negli ultimi miliardi di anni, mentre il nostro sistema solare era appena nato (circa 4 miliardi di anni fa).

Supernova termonucleare o no: qual è il grado di certezza?

Per raggiungere questa conclusione, gli scienziati hanno eseguito un’analisi chimica prendendo di mira 17 aree di un campione molto piccolo di Ipazia. Il risultato ha mostrato che c’erano bassi livelli di silicio, cromo e manganese. Questo primo avvistamento assicura che la roccia non provenga dal sistema solare. Successivamente, l’analisi ha mostrato che, al contrario, c’erano alti livelli di ferro, zolfo, fosforo, rame e vanadio: questa seconda osservazione mostra che l’oggetto non proviene dall’ambiente spaziale, nemmeno dal nostro braccio via Lattea

La composizione chiude anche a stella gigante rossa come fonte. Allo stesso modo, l’analisi chimica mostra che Ipazia contiene un contenuto di ferro troppo alto rispetto al silicio e al calcio, rendendo così l’origine di a supernova di tipo Ib (chiamata ” cuore e reni crollano

Lavorare in questo modo attraverso esclusioni successive ha lasciato solo una possibilità, la più intrigante di tutte: la supernova termonucleare Ia. Queste supernove binarie sono rare, ma si ipotizza che qualsiasi roccia risultante debba contenere determinati elementi chimici in proporzioni insolite. Ma proprio tutte le analisi di Ipazia permettono di “abbinare” la roccia a quanto ci si aspetta da una supernova termonucleare.

Be ‘quasi. Gli scienziati hanno anche identificato elementi chimici (come fosforo o potassio) che sembrano incompatibili con questo tipo di supernova. Tuttavia, questo non è inspiegabile: questi elementi possono essere dedotti da vari eventi avvenuti nella regione, prima o durante la supernova. In sintesi, in questa fase della ricerca possiamo considerare Ipazia come la più probabile traccia materiale – trovata sulla Terra – di una supernova Ia. E non è male come prova, dato che stiamo parlando di una gigantesca esplosione avvenuta miliardi di anni fa, a diversi anni luce di distanza.

Guarda il mondo dalcamera

La Nvidia GeForce RTX 3080 Ti viene finalmente venduta al suo prezzo normale

la console disponibile da Carrefour! Bestiame