in

Recensione Huawei MateBook E: un PC/tablet decorato con un bellissimo schermo OLED

Valutazione dell'editore: 4 su 5

Costruire

Il design di questo MateBook E ci ricorda chiaramente il tablet MatePad Pro da Huawei, che ha semplicemente lo stesso schermo da 12,6 pollici. Le cose sono leggermente diverse sul retro, poiché il computer ospita un singolo modulo fotografico quando il tablet aveva un modulo doppio.

Il modulo fotografico posteriore del PC.

Il modulo fotografico posteriore del PC.

Ciò consente di scattare foto a 13 Mpx, mentre il modulo da 8 Mpx nella parte anteriore consente le videoconferenze con un’eccellente qualità dell’immagine. In condizioni di illuminazione difficili è ovviamente più complicato, ma il rendering è comunque buono, non molto rumoroso e molto migliore della maggior parte dei computer che abbiamo testato. D’altra parte, questa webcam non ha un modulo a infrarossi necessario per lo sblocco con Windows Hello.



In condizioni di luce scura.


In una stanza molto luminosa.

A differenza del Surface di Microsoft, la custodia del MateBook E non ha un cavalletto sul retro, il che significa che dovrai usare il computer nelle tue mani o appoggiarlo su una scrivania. Se puoi acquistare il PC da solo, verrà venduto anche in un pacchetto che include una tastiera/custodia Smart Magnetic (offerta durante alcune promozioni). Come con Surface, l’uso quotidiano senza tastiera è difficile da immaginare con Windows 11, che in definitiva è meno pratico dei sistemi operativi tablet che si adattano perfettamente ai touchscreen.

Con la tastiera.

In ogni caso, il sistema magnetico della tastiera è molto pratico per appoggiarvi sopra il PC in un batter d’occhio; non resta che aprire il cavalletto per metterlo in posizione. La cerniera rivestita in tessuto non ha presentato problemi durante i nostri test, ma è difficile scommettere sulla sua durata nel tempo. I tasti sono comunque reattivi, ma purtroppo non retroilluminati. Questo è spesso il caso delle tastiere rimovibili entry-level. Per quanto riguarda il touchpad, fa quello che dovrebbe, ma non è fantastico.

Il sistema di montaggio magnetico e la cerniera del supporto.

Il sistema di montaggio magnetico e la cerniera del supporto.

Con la tastiera è inclusa anche la nuova Huawei M-Pencil. Con una buona quantità di punti di pressione e una bassa latenza, offre un’esperienza molto fluida da usare. Si ricarica in modalità wireless semplicemente posizionandolo sul bordo superiore del PC: sono incluse due punte di ricambio.



Lo stilo si carica sul bordo.


Piccola sessione di disegno.

Questione di connettività, sarà necessario sopportare il minimo indispensabile. Con un mini-jack e una singola porta USB-C Thunderbolt 4 (compatibile DisplayPort), Huawei si è accontentata delle abitudini dei tablet, che ne limitano nettamente l’utilizzo. Quindi dovrai scegliere tra caricare il tuo PC o collegare una periferica (o un hub) ad esso. Peccato… Ai bordi troviamo altri due pulsanti del volume e un pulsante di accensione/spegnimento che ha il vantaggio di avere un lettore di impronte digitali.

Il bilanciere del volume, il lettore di impronte digitali e le fessure di ventilazione.

Il bilanciere del volume, il lettore di impronte digitali e le fessure di ventilazione.

Un’altra differenza rispetto al design del MatePad Pro è che il MateBook E è raffreddato dalla ventilazione attiva e il flusso d’aria fuoriesce attraverso gli slot sul bordo superiore del PC. Anche il riscaldamento è limitato: abbiamo notato un punto di 38,6°C sullo schermo in pieno trattamento pesante (con il coperchio† Il rumore del sistema di raffreddamento è molto accettabile. Silenzioso nell’automazione d’ufficio, ma sale a 34,7 dB al di sotto, ad esempio, CineBench.

Il MateBook E non si surriscalda.

Il MateBook E non si surriscalda.

Huawei fornisce una buona valutazione di riparabilità per il PC sul suo sito, ma sarà molto difficile accedervi da soli per sostituire una parte. In caso di problemi, è meglio rivolgersi al servizio post-vendita del marchio.

Valutazione dell'editore: 2 su 5

Prestazione

Il nostro modello di test è dotato di un Intel Core i5-1130G7, un piccolo processore con quattro core hyperthread con clock a 1,1 GHz. È accompagnato da 16 GB di RAM e un SSD da 512 GB, il che è molto evidente dato che alcuni dispositivi mobili si accontentano di molto meno spazio di archiviazione. Con un involucro termico (TDP) di soli 9 W, che può arrivare fino a 15 W, o anche 30 W con tempi di elaborazione brevi, non può fare miracoli.

Il MateBook E ha superato un Surface Go 3, ma non tanto quanto il Surface 8 Pro dotato di Core i7. È tutt’altro che evolversi dai laptop “classici” come lo Zenbook 14 Oled di Asus o il MateBook 16 di Huawei. Se queste prestazioni possono essere deludenti, non dobbiamo dimenticare che questo tipo di PC/tablet non è destinato a svolgere compiti pesanti. Quindi l’ufficio è perfettamente liscio e non abbiamo riscontrato alcun rallentamento in questo contesto.

L’SSD ha raggiunto 3,4 GB/s in lettura sequenziale e 2,1 GB/s in scrittura nel nostro test. Un risultato soddisfacente, ma lontano dal migliore M.2.

Valutazione dell'editore: 4 su 5

Schermo

Il display OLED da 12,6 pollici del MateBook E (2560 x 1600 pixel) è quasi perfetto. Da notare che per sfruttare una colorimetria accurata, è necessario prima attivare la modalità sRGB dello screen manager, che è abbastanza difficile da trovare se non si sa dove cercare (non compare in Huawei manager né nelle app installate) .

La posizione del display manager.

La posizione del display manager.

Abbiamo notato un delta E di 1.6 e una temperatura colore media di 6550 K, molto vicina allo standard video (6500 K). La tecnologia OLED offre un contrasto infinito con il pannello e una persistenza quasi 0. Anche il tasso di occupazione dello schermo dell’87% è eccellente per un tablet.

Purtroppo – touchscreen richiesto – il riflesso è molto alto (48,5%), che sbaglia il passo delle 5 stelle sullo schermo. Itou, la luminosità massima di 411 cd/m² difficilmente compenserà alla luce diretta del sole. Tuttavia, Huawei annuncia una luminosità di 600 cd/m², ma osservando attentamente le annotazioni a fondo pagina, è effettivamente impostata a 400 cd/m² con la possibilità di passare automaticamente a 600 cd/m² in caso di luce forte. Problema: non puoi farlo manualmente, il che sembra alquanto assurdo, quindi controlla le dichiarazioni del marchio.



Valutazione dell'editore: 3 su 5

Mobilità/Autonomia

Con i suoi 709 g sulla scala e dimensioni di 18,5 x 28,6 cm per uno spessore di 8 mm, il PC si trasporta senza problemi. La tastiera aggiunge 436 grammi, che rimane più leggera di molti PC, mentre il blocco di ricarica è molto compatto a 200 grammi.

Il caricatore USB-C è compatto.

Il caricatore USB-C è compatto.

Con la sua batteria da 42 W abbinata a tale definizione e un Intel Core i5, il MateBook E non poteva andare lontano in termini di autonomia. Si è spento dopo 6 ore e 13 minuti durante la riproduzione di video su Netflix con browser Chrome, luminosità impostata su 200 cd/m² e Bluetooth disattivato. È al livello, diciamo, di un Surface Go 3, ma molto al di sotto del punteggio dei PC convenzionali. Peccato per un prodotto nomade, anche se permette di reclamare un peso piuma mentre la ricarica rapida compensa un po’.

Punti di forza

  • Versatilità del formato ibrido PC/tablet.

  • Schermo OLED quasi perfetto.

  • Bordi fini.

  • Qualità della webcam.

  • Altoparlanti che suonano abbastanza bene.

Punti deboli

  • Prestazioni limitate.

  • Piatto sensibile ai riflessi.

  • Connettività ultra ridotta.

  • Bassa autonomia.

  • Molto difficile da smontare.

Conclusione

segno globale

Valutazione dell'editore: 3 su 5

Come funziona la valutazione?

Il MateBook E è molto interessante per chiunque debba lavorare con Windows e viaggi regolarmente con un PC leggero. Lo schermo OLED da 12,6 pollici è quasi impeccabile e ideale per un uso multimediale, anche se soggetto a riflessi. Le prestazioni del PC non sono certo molto importanti, ma per l’office automation rimangono più che sufficienti. Il computer offre un buon rapporto qualità-prezzo quando il fronte delle prestazioni non è nel mirino.

Halo Infinite: Picco di giocatori superato dalla Master Chief Collection su PC, ecco i numeri

Alessandro Belmondo papà per la prima volta: spiega il nome molto originale del suo bambino