in

Recensione Samsung Galaxy A13: uno smartphone semplice

La tendenza attuale è verso sensori da 50 megapixel che si trovano su una quota crescente di smartphone, da quelli entry-level a quelli di fascia molto alta. Il Galaxy A13 non fa eccezione, combinando questo sensore principale con un’ottica grandangolare che si apre a f/1.8. Ad esso si accompagna un secondo modulo da 5 Mpx con ultra grandangolo (f/2.4). Più aneddoticamente, due sensori da 2 Mpx ciascuno (ottica f/2.4) sono dedicati alla misurazione della profondità e al macro.

Modulo principale: 50 MP, f/1.8

Nella sua fascia di prezzo, il Galaxy A13 affronta il Redmi Note 11 di Xiaomi con un sensore simile. I risultati di entrambi sono ragionevoli. Il modello Samsung espone meglio le scene, ma soffre di rumore digitale e tende a enfatizzare troppo i dettagli. Il trattamento è più morbido sullo snapshot del modello Xiaomi. Al contrario, i contorni sono meno netti, come si può vedere sulla nostra mappa (punti colorati). Queste osservazioni si applicano al centro dell’immagine, che qui abbiamo isolato. Le aree marginali dei nostri scatti sono completamente sfocate e inutilizzabili.



Xiaomi Redmi Nota 11


Samsung Galaxy A13

Gli scatti notturni hanno meno successo con il Galaxy A13 che con il Redmi Note 11, che improvvisamente offre contenuti così parassitati dal rumore da diventare quasi inutilizzabili. Il modello Samsung predilige lo smoothing, ma ha il pregio di essere più leggibile.



Xiaomi Redmi Nota 11


Samsung Galaxy A13

Il Galaxy A13 non ha un punteggio particolarmente buono nella sua fascia di prezzo, ma è chiaro che non fa molto meglio del suo predecessore, il Galaxy A12.



Samsung Galaxy A12


Samsung Galaxy A13



Samsung Galaxy A12


Samsung Galaxy A13

Modalità 50 MP

È possibile scattare a 50 Mpx dall’interfaccia dell’app per foto dello smartphone. Questo è di poca importanza in quanto non fornisce ulteriori dettagli.



Samsung Galaxy A13 (50 Mpx notte)


Samsung Galaxy A13 (50 Mpx al giorno)

Modulo ultra grandangolare: 5 Mpx, f/2.2, 123°

L’ultragrandangolare non è la specialità del Galaxy A13, di cui è meglio prediligere il modulo principale per ottenere scatti davvero fruibili. La bassa definizione di 5 Mpx contrasta e si traduce in una palese mancanza di nitidezza. I dettagli vengono attenuati al centro dell’immagine, mentre la distorsione e la sfocatura nella periferia rovinano ancora di più la festa. Vai avanti di notte: il centro delle immagini è appena leggibile e i lati non lo sono affatto.



Samsung Galaxy A13


Samsung Galaxy A13

Modulo frontale, modalità ritratto, video

Samsung equipaggia il suo Galaxy A13 con un sensore da 8 Mpx nella parte anteriore con un’apertura ottica a f/2.2. Durante la registrazione, osserviamo i contributi dell’elaborazione del software applicata dal produttore. Purtroppo l’appiattimento è troppo presente. A questo si aggiunge una sfocatura dello sfondo leggermente esagerata ma regolabile come su tutti gli smartphone sudcoreani. Infine, il Galaxy A13 consente di scattare in Full HD a 30 fps, anteriore e posteriore, senza stabilizzazione.

Brooklyn licenzia Cleveland e avanza ai playoff

A trent’anni dalla sua apertura, Disneyland Paris ha una “giornata della raccolta”