in

Ritorno a Monkey Island: Ron Gilbert, il creatore del gioco, risponde alle critiche sulla direzione artistica

Notizie di gioco Ritorno a Monkey Island: Ron Gilbert, il creatore del gioco, risponde alle critiche sulla direzione artistica

All’inizio di aprile c’è stata una notizia immensa che ha illuminato i volti degli appassionati di punta e clicca. Dopo oltre un decennio di assenza, la mitica saga di Monkey Island torna in un nuovo episodio! Così, il gioco, in preparazione per due anni, è stato mostrato attraverso un breve trailer che ne svelava al contempo la direzione artistica. Alcuni fan, visibilmente delusi, lo hanno annunciato ad alta voce. Ron Gilbert, il creatore della serie, ha voluto rispondere loro…

Scoprendo il trailer di Ritorno a Monkey Island, alcuni fan dei primi episodi si sono pentiti dell’approccio cartone animato adottato dal team di sviluppo. Questi ultimi non si trovano lì e ritengono che l’atmosfera dell’originale sia distorta, sia per i personaggi che per le decorazioni. Ron Gilbert, il conduttore della licenza, ha voluto fare chiarezza. sul suo blog giocatore scontrosonon vi va in quattro modi indicando:

Ritorno a Monkey Island potrebbe non essere lo stile artistico che volevi o ti aspettavi, ma è lo stile artistico che volevo.

Almeno i fan sanno cosa aspettarsi.

Ritorno a Monkey Island: Ron Gilbert, il creatore del gioco, risponde alle critiche sulla direzione artistica

MONKEY ISLAND, UN RITORNO ALL’AVANZATO

In questo lungo post, dove ripercorre il passato della saga, spiega di aver elaborato la direzione artistica da scegliere per questo ritorno. E prima di questo risveglio, lui e il suo compagno, Dave Grossman, non avrebbero… pixel art† Il duo ha voluto portare avanti la licenza e non limitarla a un semplice “ritorno”. Inoltre, l’interessato desidera sottolineare che l’unico vero gioco di pixel art che ha creato è stato Parco di Thimbleweedche non è il caso per Il segreto di Monkey Island

Monkey Island 1 e 2 non erano giochi di pixel art. Si trattava di giochi che utilizzavano tecnologie e strumenti all’avanguardia. Monkey Island era in 16 colori EGA e abbiamo colto l’occasione per aggiornarlo a 256 colori. Monkey Island 2 ha utilizzato la magia artistica digitalizzata di Peter Chan e Steve Purcell. Volevamo andare avanti. Se fossi rimasto e avessi fatto Monkey Island 3, non sarebbe sembrato Monkey Island 2. Saremmo andati avanti e Day of the Tentacle ne è un ottimo esempio.

Con questa spiegazione, Ron Gilbert conferma che non gli piace riposare sui suoi successi e non esita a infrangere codici consolidati. Qualunque sia il malcontento, non ha alcuna intenzione di cambiare direzione.

Quando ho iniziato questo gioco, la mia più grande paura era che la Disney non mi lasciasse fare il gioco che volevo, ma è stato fantastico lavorare con loro. È ironico che le persone che non vogliono che io faccia il gioco che voglio fare siano fan sfegatati di Monkey Island. Ecco perché sono rattristato da questi commenti. Ritorno a Monkey Island è un incredibile ottovolante. Salta e divertiti o lascia il parco divertimenti se pensi che le montagne russe non facciano per te.

Chiaro, luminoso e preciso. Du Ron Gilbert nel testo. Ma sa, questi non sono i pochi dispiaceri che dovrebbero offuscare il successo del titolo. Sin dal suo annuncio, è senza dubbio uno dei titoli più attesi del momento.

Profilo di Ayden_, Jeuxvideo.com

Attraverso Ayden_Giornalista jeuxvideo.com

PM

Anteprima di Teenage Mutant Ninja Turtles Shredder’s Revenge: il miglior videogioco di Teenage Mutant Ninja Turtles mai realizzato?

Guerra in Ucraina: satelliti Usa “Starlink” usati dai militari ucraini, capo dell’agenzia spaziale russa minaccia Elon Musk che gli risponde