in

Test – Eiyuden Chronicle: Rising – L’inizio di una grande storia | Xbox Uno

Eiyuden Chronicle: Rising è un prequel che mira a introdurre l’universo e alcuni dei protagonisti di Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, la cui uscita è prevista per il 2023. Quest’ultimo dovrebbe essere il successore della saga di Suikoden, dal momento che molti sviluppatori di lo studio Rabbit & Bear ha lavorato a diversi episodi di questa serie.

Per la cronaca, questo prologo è stato inizialmente presentato come un semplice bonus offerto ai contributori della campagna di raccolta fondi del gioco principale, ma è diventato rapidamente un progetto a sé stante. Si distingue anche per il suo stile di combattimento orientato ai giochi di ruolo d’azione, in cui Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes sarà un puro JRPG con fasi di combattimento a turni.

Una ricerca può nascondere l’altra

La nostra avventura inizia nei panni di CJ, un giovane cacciatore di tesori che si reca a New Nevaeh per completare una ricerca dedicatoria e restituire a suo padre un manufatto più ricco di quanto non avesse mai scoperto da solo. Questo villaggio, a due passi da un tumulo, con tanti manufatti magici, è il luogo perfetto per portare a termine la nostra grande missione.

All’arrivo scopriamo che un terremoto ha recentemente danneggiato le infrastrutture e che la popolazione si sta ricostruendo. Quindi incontriamo il sindaco del villaggio e apprendiamo che prima di qualsiasi tentativo di prospezione nel tumulo, dobbiamo pagare una tassa incommensurabile per ottenere un permesso di scavo. Poiché non abbiamo i mezzi per pagare una tale somma, ci viene offerto di svolgere vari compiti e aiutare gli abitanti del villaggio nella ricostruzione contro la fornitura del nostro prezioso sesamo. Tra l’altro, partecipiamo alla costruzione di diversi negozi che saranno molto utili per i nostri progressi. A complicare ulteriormente le cose, il terremoto ha provocato una breccia nelle difese e molti mostri ora abitano la cava e la grande foresta dove dobbiamo raccogliere i nostri materiali. Per aiutarci nel nostro formidabile compito, possiamo contare su due compagni che si uniranno ai nostri ranghi nel corso della storia principale. Un aiuto prezioso perché capiamo subito che questi piccoli problemi sono solo l’albero che nasconde la foresta e che ci aspetta un destino più grande.

Introduzione al gioco di ruolo

Il titolo è visto come un prologo in senso lato. Oltre a portare alla scoperta dell’universo e del cast del gioco in arrivo, è anche un’introduzione alle meccaniche dei giochi di ruolo e potrebbe anche piacere a chi è meno abituato al genere. Come in ogni buon gioco di ruolo, accumuliamo punti esperienza che aumentano il nostro livello e le nostre qualità di attacco, difesa e magia. Le risorse vengono anche estratte per completare missioni o creare nuovi oggetti e equipaggiamento. Esistono, ovviamente, diversi tipi di rune magiche che influenzeranno l’efficacia dei nostri attacchi o delle nostre difese. Queste meccaniche, che sono l’essenza di un gioco di ruolo, a volte possono diventare complesse da padroneggiare rapidamente. Gli sviluppatori hanno portato ognuno di questi elementi a poco a poco nel corso dell’avventura. Anche un menu molto intuitivo e un registro di ricerca informativo contribuiscono a questa presunta semplicità.

Dal lato del gameplay, l’accessibilità è di nuovo essenziale. Ad ogni personaggio viene assegnata una chiave che ci consentirà di lanciare un attacco o di passare da un combattente all’altro. Ognuno dei nostri compagni ha i suoi punti di forza e di debolezza, che arricchisce le fasi dell’azione e ci salva dalla monotonia. Con una chiave comune, puoi attivare un’abilità speciale specifica per ogni personaggio, come schivata, doppio salto o parata. Queste abilità migliorano insieme all’equipaggiamento del nostro combattente, permettendoci di raggiungere aree precedentemente inaccessibili. Infine, è anche possibile attivare una combo di squadra passando da un personaggio all’altro in un determinato momento. Se lo si desidera, quest’ultimo tecnico può essere automatizzato selezionando la modalità “azione singola” tramite il menu delle opzioni.

Per non spaventare il giocatore con gli immancabili voli multipli di ritorno tra le diverse parti del gioco, gli sviluppatori hanno integrato un sistema di viaggio veloce molto completo che ci permetterà di andare anche da un angolo all’altro del villaggio in una frazione di un secondo. un secondo. Uno strumento molto pratico che offre anche la possibilità di salvare regolarmente i nostri progressi.

Guardiamo al retrò, ma andiamo avanti

Come non provare nostalgia per la direzione artistica di Eiyuden Chronicle: Rising? Il design dei personaggi e degli ambienti riflette gli anni d’oro dei giochi di ruolo su Super Nintendo o Megadrive. Tuttavia, il titolo è aggiornato con i suoi effetti di luce 2.5D e sottili. Anche la colonna sonora ci colpisce traendo ispirazione dalle orchestrazioni di produzioni degli anni ’90 e introducendo campioni più moderni. Peccato che la playlist sia limitata a una melodia per ambiente e che alcuni loop musicali diventino fastidiosi. Ci rammarichiamo inoltre che il bestiario non sia più esteso, ma non dimentichiamo che questo è un prologo.

La modernizzazione incide anche sul livello di difficoltà in quanto il titolo è molto meno impegnativo rispetto ai suoi antenati e il suo orientamento più disinvolto viene sottolineato anche nella comunicazione dello studio. Gli sviluppatori volevano adattarsi ai giocatori moderni e questo è un punto che va notato. Alla fine della storia principale, tuttavia, una modalità difficile è accessibile ai più coraggiosi tra noi.

La durata del titolo dipende dal nostro tipo di giocatore. Occorrono 20-25 ore per elaborare la storia principale e raggiungere un livello confortevole per la battaglia finale. Una volta completate, le numerose missioni secondarie e la nuova difficoltà allungheranno questa durata. Sebbene non abbiano annunciato quale forma assumerà, gli sviluppatori hanno chiarito che i vantaggi in Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes verranno assegnati ai giocatori che hanno completato questo prologo.

Testato su Xbox Series X.

Viene presentato il Ford e-Transit Custom che offre l’autonomia più lunga del segmento

La società statunitense Clearview smette di vendere i suoi strumenti di riconoscimento facciale alle aziende