in

Unreal Engine 5: i giochi delle serie PS5 e Xbox non sembreranno demo fotorealistiche a breve

Notizie di gioco Unreal Engine 5: i giochi delle serie PS5 e Xbox non sembreranno demo fotorealistiche a breve

Dopo tutti i tipi di demo tecniche, l’Unreal Engine 5 è stato contattato da sviluppatori di tutto il mondo dopo il suo rilascio lo scorso aprile. Abbastanza per vedere i supereroi correre a tutta velocità verso metropoli ultra-dettagliate, così come le creazioni di sconcertante realismo. L’ultimo colpo nel caso ha appena colpito il web. Ma attenzione, i giochi futuri su PC, PS5 e Xbox probabilmente non avranno lo stesso aspetto. In questo articolo spieghiamo perché e come.

Trova sopra in riproduzione automatica il video “Etchū-Daimon Station” sotto Unreal Engine 5, un realismo sorprendente.

Un’unica stazione. Questo è ciò che ci sono voluti negli ultimi giorni per creare la mania sui social network. Quindi no, questa volta non un traguardo della SNCF, ma quello di un artista che ha ricreato la stazione di Etchū-Daimon (Giappone) sotto Unreal Engine 5. Il tutto assume la forma di un corto video di tre minuti in cui una telecamera naviga dolcemente in pieno giorno, lungo i binari, prima che la scena si tuffi nell’oscurità ed esprima un tremendo senso di terrore. E il minimo che possiamo dire è questo è confusamente realistico“Ecco il mio nuovo ambiente, vagamente basato su una vera stazione ferroviaria di Toyama” spiegazione sul sito stazione d’arte “Subjectn” alias Lorenzo Drago, artista 3D a cui si deve questo grande lavoro. “Ho lavorato su modellazione, texture, illuminazione e animazione”

Così, il video “Etchū-Daimon Station” illustra a sua volta: le possibilità dell’Unreal Engine 5una nuova versione del motore di gioco della società Epic Games (Fortnite) disponibile gratuitamente nella versione ufficiale dal mese scorso. Le ultime settimane sono state interrotte dai test degli artisti e dai “fanghi” sui software, come con l’arrivo degli eroi Spider-Man e Superman in metropoli ultra realistiche. Le animazioni sono tutt’altro che perfette, ma l’azione è fluida e il risultato più che promettente. Possiamo anche controllare il recente dimostrazione dallo studio Xbox The Coalition (ingranaggi† Tre demo che convergono anche su una quarta: Matrix si risveglia, la prima esperienza sotto Unreal Engine 5 disponibile al grande pubblico su PlayStation 5 e Xbox Series, rilasciata a dicembre 2021. I due supereroi sono stati integrati nella città che fa da sfondo al progetto, mentre il team di Coalition ha partecipato attivamente al la sua creazione. Un’esperienza davvero impressionante.

“Etchū-Daimon Station” di Lorenzo Drago (Unreal Engine 5)

Unreal Engine 5: i giochi delle serie PS5 e Xbox non sembreranno demo fotorealistiche a breveUnreal Engine 5: i giochi delle serie PS5 e Xbox non sembreranno demo fotorealistiche a breveUnreal Engine 5: i giochi delle serie PS5 e Xbox non sembreranno demo fotorealistiche a breve

Una pietra miliare

Tante creazioni che dimostrano il potenziale di Unreal Engine 5. “Creare mondi grandi e complessi che possono essere giocati su una console (qui, la PS5 – ndr) con dettagli incredibili senza vedere elementi che appaiono improvvisamente sullo schermo. Questo è il nostro obiettivo con questo motore” spiegato durante la presentazione del software (maggio 2020) Kim Libreri, Director of New Technologies di Epic Games. Per l’occasione l’azienda non è arrivata a mani vuote, con una brillante demo in tempo reale come antipasto su PlayStation 5. Perché sì, anche fuori PC – ma anche smartphone -, l’Unreal Engine 5 si manifesterà principalmente sulla prossima generazione di console† Sappiamo già che lo useranno diversi triple-A: Lama Infernale IISTALLER 2 ma anche il seguente Tomb Raider e la parte futura della saga Lo stregone† quasi 80 imprese attualmente collabora con Epic Games.

Aziende che beneficeranno così dei progressi tecnologici dell’Unreal Engine 5 e in primis di “Lumen”, un sistema integrato nel motore che permette di simulare un’illuminazione realistica e dettagliata in modo facile e veloce. C’è anche “Nanite”, per creare mondi su larga scala con un alto livello di dettaglio senza costringere le macchine in ginocchio, attraverso un sistema che semplifica i poligoni; e MetaHuman, un motore che modella facilmente volti di inquietante autenticità. Lumen è la tecnologia presente nella stazione Etchū-Daimon di Lorenzo Drago come Nanite e MetaHuman Combo Splurge in Matrix Awakens† L’esperienza, che vede protagonisti gli eroi della famosa saga, è così reale che a volte è difficile distinguere il 3D dagli elementi reali. Per non parlare del fatto che gira tutto su PS5 e Xbox Series, con un enorme open world creato proceduralmente.

Troppo lontano dal vero gioco

Ma qui questi progetti sono quello che sono: esperimenti, e rappresentano nello stato una sorta di ideale per il pubblico e gli sviluppatori. Attualmente, è sempre possibile dare vita a un intero videogioco con una grafica all’avanguardia una questione di compromesso† Perché oltre a tutto ciò che viene visualizzato sullo schermo, c’è una lunga lista di cose che le serie PS5 e Xbox devono gestire: comportamento degli NPC, script per attivare eventi, impatto del giocatore sull’ambiente, ecc. Cose che Lorenzo Drago non ha fatto deve preoccuparsi per il suo video. A proposito, l’uomo ce l’ha notato su YouTube che non viene eseguito in tempo reale, ma è un display “ad alta risoluzione” a circa sette fotogrammi al secondo. Secondo lui, Etchū-Daimon Station potrebbe fare 30-50 fps con una qualità inferiore su una macchina con una configurazione simile alle console di nuova generazione (“RTX 2080 e Ryzen 7 3700x”).

Trenta fotogrammi al secondo a 1440p, suona un campanello? Sì, questi sono i termini in base ai quali Matrix Awakens girerà su PS5 e Xbox Series. Si tratta, ovviamente, di qualcosa di più concreto del lavoro di Lorenzo Drago, ma si tratta anche di un’esperienza senza scopo, fatta per il piacere degli occhi, per esplorare il campo delle possibilità su Unreal Engine 5. ci vuole un po’ per raggiungere questo livello di dettaglio in 4K/60fps (il benchmark di questa generazione), oltre a tutte le cose che un gioco classico dovrebbe padroneggiare. Dopotutto, anche Unreal Engine 4 aveva chiesto di aspettare prima di poter raggiungere il suo pieno potenziale. Insomma, il fotorealismo non lo è per ora† Anche se bisogna ammettere che Hellblade II e STALKER 2 sembrano flirtare con questo ideale.

Informazioni su PlayStation 5

Profilo di Indee, Jeuxvideo.com

Attraverso IndiaGiornalista jeuxvideo.com

PM

Diablo Immortal: Blizzard offre la sua diversa visione dell’inferno con il Regno del Destino

Gotham Knights: uscita esclusiva di nuova generazione, dettagli sull’edizione e 13 minuti di gioco con Nightwing e Red Hood Broadcast