in

WhatsApp lancia una nuova funzionalità “community”.

Oggi, i gruppi di chat di WhatsApp sono limitati a 256 persone.

WhatsApp nuove funzionalità rivelate, giovedì 14 aprile, a partire dall’imminente lancio di “Community”, che consentirà ai suoi amministratori di riunire più gruppi di discussione nello stesso spazio, rivolgendosi così a un gran numero di persone. La messaggistica, di proprietà dell’americana Meta (Facebook, Instagram), mira a soddisfare le esigenze di “alcune strutture, come scuole, associazioni locali o onlus”Quella “Ora fidati di WhatsApp per comunicare in modo sicuro e auto-organizzarsi”† La nuova funzionalità dovrà essere testata per due mesi prima di essere lanciata a livello internazionale.

Oggi, i gruppi di chat di WhatsApp sono limitati a 256 persone. Ma d’ora in poi, le comunità permetteranno di riunire più gruppi esistenti nello stesso luogo, come ad esempio i genitori di studenti di classi diverse della stessa scuola. Come una bacheca virtuale, solo gli amministratori possono inviare messaggi che, come i messaggi convenzionali, sono crittografati end-to-end.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Privacy, sicurezza, e-commerce… spiega il capo di WhatsApp

amministratori moderatori

Le community possono essere utilizzate anche per le aziende. “Se un ristorante vuole formare un gruppo per condividere i suoi menu o inviare promozioni, può”notò Jyoti Sood, prima di chiarire che Meta non aveva intenzione di farlo “incassare” le comunità.

Inoltre, WhatsApp svilupperà ulteriormente i gruppi di discussione, la spina dorsale del suo funzionamento:

  • come la tavolozza dei commenti di Facebook, gli utenti ora possono rispondere ai messaggi con i pulsanti emoji;
  • la dimensione dei file condivisi è aumentata a 2 GB e il numero massimo di partecipanti a una chiamata vocale è aumentato a 32 persone;
  • amministratori “i gruppi possono eliminare post inappropriati o problematici per tutti i membri della discussione”rafforzando così il loro ruolo di moderazione.
Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti La moderazione della community è il futuro dei social network?

Queste nuove capacità, che saranno implementate “nelle prossime settimane”ricordano i canali Telegram, un sistema di messaggistica russo che consente di trasmettere messaggi a un vasto pubblico, su canali accessibili al pubblico o in discussioni private che richiedono un invito.

Tuttavia, su WhatsApp, i contenuti possono essere trasferiti solo a un gruppo alla volta per evitare fenomeni di spam. Gli utenti, inoltre, non possono cercare le comunità a cui vogliono unirsi tramite messaggi: devono far parte di un gruppo e quindi essere stati aggiunti da un amministratore. “Telegram consente conversazioni per centinaia di migliaia di persone; Le comunità di WhatsApp continueranno a essere un servizio di messaggistica privato che consente alle persone di comunicare in privato con persone o gruppi a cui sono vicine”.ha affermato Christina LoNigro, portavoce di WhatsApp, citata da Agence France-Presse.

Meta è stata pesantemente criticata per problemi di moderazione e trasparenza sui suoi social network, così come i suoi sistemi di messaggistica come WhatsApp, che sono tanto più opachi perché gli scambi sono privati ​​e crittografati. La messaggistica, che a febbraio 2020 contava più di due miliardi di utenti in tutto il mondo, è stata spesso criticata per essere uno spazio di diffusione di “fake news”.

Leggi anche: “Infox” in Brasile: come false informazioni hanno invaso WhatsApp

Il mondo con AFP

quattro domande sul concorso che riunisce soldati con disabilità ideato dal principe Harry

“È molto difficile per lei”: successo di Anne-Sophie Lapix, quale futuro per le sue novità?